News dall'Azienda Socio-Sanitaria Territoriale

INFORMAZIONI UTILI | TAMPONE NASO-FARINGEO PER LA RICERCA DEL VIRUS SARS COV2

Prenotazione
L’accesso all’effettuazione dei tamponi è consentito previa prenotazione, con prescrizione da parte del MMG/PLS o con autocertificazione recante il timbro da parte della scuola e allegato documento d’identità, fermo restando sempre e comunque il raccordo con il curante.
L'ESECUZIONE DI TAMPONI PRESSO ASST SI SVOLGE UNICAMENTE A SEGUITO DI PRENOTAZIONE EFFETTUABILE:

  1. Se in possesso di impegnativa bianca o rossa SISS (scritta al PC) accedendo al portale PRENOTA SALUTE https://prenotasalute.regione.lombardia.it/prenotaonline/
  2. Se in possesso di autodichiarazione firmata dalla scuola o di ricetta rossa scritta a mano telefonando ai numeri 0382-431481 e 0383-695263 dal lunedì al venerdì dalle ore 8:30 alle ore 12:30 o scrivendo alla casella mail presaincarico [at] asst-pavia.it
  3. Chiamando il numero  0383-547235 (attivo dal lunedì al venerdì, dalle 09:30 alle 12:00), per effettuazione del tampone il Martedì e Giovedì, dalle 08:30 alle 11:00.

Se la richiesta avviene via mail l’operatore richiede i seguenti dati:

  • Nome, Cognome, data di nascita, codice fiscale, numero di telefono;
  • Indicare se è in possesso di ricetta del Medico/Pediatra o se è in possesso di autodichiarazione timbrata dalla scuola a cui allega un documento di identità (se in possesso di ricetta bianca la allega alla mail);
  • Il giorno in cui vuole effettuare il tampone;
  • l'ospedale (tra Vigevano, Voghera e Stradella) dove vorrebbe eseguire il tampone.

La prenotazione può anche essere effettuata dal MMG/PLS sul portale MAINF mediante le agende messe a disposizione dall’ASST Pavia, ma non necessariamente solo tramite la predetta modalità.

L’utente deve portare con sé la documentazione il giorno dell’esecuzione del tampone (prescrizione o autodichiarazione), deve visualizzare nel sito internet ASST Pavia l’informativa relativa al trattamento dei dati personali per l’erogazione del servizio temporaneo di ritiro referti esiti test covid-19 e, qualora interessato al servizio, compilare il modulo “CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI” da consegnare il giorno dell’esecuzione del tampone.

Si riporta il link informativo di Regione Lombardia per ogni aggiornamento in merito all’avvio delle attività scolastiche:
https://www.regione.lombardia.it/wps/portal/istituzionale/HP/DettaglioRe...

Visualizzazione referto
La modalità più semplice e immediata per conoscere l'esito del tampone rino-faringeo per il Covid19 è quella di visualizzarlo sul proprio Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) dove il referto viene caricato di norma entro 24 ore dal conferimento presso il laboratorio di Microbiologia.
Si riportano le modalità per l'accesso al FSE:
https://www.fascicolosanitario.regione.lombardia.it/

Qualora non ancora in possesso delle credenziali per accedere al suddetto fascicolo è possibile accedere al servizio temporaneo di consultazione online dei referti tamponi covid– 2 19 con accesso da parte degli assistiti tramite servizi digitali sul sito del fascicolo sanitario elettronico (FSE), previo rilascio del consenso al trattamento dei dati personali.
https://www.fascicolosanitario.regione.lombardia.it/web/fserl-pubblica/u...

Il servizio ti permette di visualizzare e scaricare il referto relativo all’ultimo tampone per COVID-19, tuo e dei tuoi familiari.
Ti ricordiamo che il servizio è attivo limitatamente al periodo dell’emergenza COVID-19, ai sensi dell’art. 17 bis del DL n. 18 del 17.03.2020, convertito in L. n. 27 del 24.04.2020. Al momento della prenotazione o dell’esecuzione del tampone viene, inoltre, presentata l’informativa relativa al trattamento dei dati personali e richiesto il consenso dell’interessato, ai sensi dell’art. 9, par. 2, lett. a) del Regolamento UE 2016/679. L’informativa è consultabile anche da link dedicato in fase di inserimento dati.

Per visualizzare il referto dell’esame per COVID-19, occorre:

  • inserire il Codice Fiscale dell’interessato;
  • le ultime cinque cifre della tessera sanitaria (TS-CNS) dell’interessato;
  • il numero di telefono cellulare del richiedente (il richiedente può non essere l’interessato, se ad esempio stai richiedendo di vedere l’esito del tampone per tuo figlio o un tuo familiare);
  • mettere un segno di spunta nella casella del captcha di google;
  • dichiarare di aver letto l’informativa al trattamento dei dati del servizio mettendo un segno di spunta nella relativa casella di selezione;
  • inserire il codice di 4 cifre per la validazione del numero di cellulare comunicato; se il cellulare risulta già validato in collegamento al Codice Fiscale questo passaggio può non essere richiesto;
  • inserire il codice di accesso temporaneo di 6 cifre con validità 3 minuti, che permette di accedere al servizio.

Dopo aver acceduto alla pagina di consultazione usa l’icona Scarica per salvare il documento sul tuo computer.

Quali esiti sono visibili?
È possibile visualizzare e scaricare, per un tempo limitato di quindici giorni, il referto relativo all’ultimo tampone COVID-19 eseguito.

Importante: In caso di esecuzione di un secondo tampone entro la scadenza dei quindici giorni, il referto del secondo tampone, verrà sovrascritto al primo.
Oltre il termine di quindici giorni, oppure nel caso in cui il referto del secondo tampone si sia sovrascritto al primo, il referto sarà consultabile sul Fascicolo Sanitario, previa autenticazione con SPID, CIE, CNS o OTP, nella sezione ESITI ESAMI COVID-19 (limitatamente al periodo dell’emergenza COVID) e sempre nella sezione REFERTI.


Si comunica inoltre che l’IRCCS Maugeri - Montescano ha allestito una tensostruttura nel parcheggio antistante l’Istituto, alla quale sarà possibile accedere in automobile ed effettuare il tampone – rapido o molecolare – senza scendere dalla macchina.
Si accede dal lunedì al venerdì, dalle 8:30 alle 12:30, previa prenotazione al numero 0385 247357.
La prestazione è gratuita per i pazienti in possesso di impegnativa dei medici di Medicina generale o comunque dell’ATS, mentre privatamente il costo è di 40 euro per i test rapido e 95 per il molecolare.
I tamponi rapidi vengono refertati in circa 30 minuti mentre per i molecolari, processati in esterno, l’esito non sarà comunicabile prima delle 48 ore successive.

Documento: 
AllegatoDescrizione
Scarica il fileInformativa privacy - consenso trattamento dati personali | Ritiro referti
Scarica il fileInformazioni utili - tampone naso faringeo per la ricerca del virus SARS COV 2
Scarica il fileMANUALE DI ISTRUZIONI PER LA PRENOTAZIONE DEI TAMPONI ASST PAVIA

Proroga scadenza esenzioni da reddito

Regione Lombardia con la DGR 4201 del 18 gennaio 2021 ha posticipato al 31 marzo 2021 il termine per il rinnovo delle esenzioni da reddito, la cui scadenza era prevista il 12 gennaio 2021. 
La DGR ha inoltre prorogato al 31 marzo anche tutte le esenzioni per patologia con scadenza antecedente a tale data.

AMBULATORI PER ESECUZIONE TAMPONI COVID

1. TENDE UBICATE PRESSO I PRESIDI OSPEDALIERI DI VIGEVANO, VOGHERA, STRADELLA E CASORATE PRIMO
L’accesso avviene unicamente su prenotazione ai numeri 0382-431481 e 0383-695263 dal lunedì al venerdì dalle ore 8:30 alle ore 12:30
o scrivendo alla casella mail presaincarico [at] asst-pavia.it
o accedendo al portale PRENOTA SALUTE https://prenotasalute.regione.lombardia.it/prenotaonline/                                                

Vigevano: l’attività di svolge tutte le mattine dal lunedì al sabato dalle 8.00 alle 13.00 circa..
Voghera: l’attività si svolge dal lunedì al giovedì dalle 8.00 alle 12.00.
Stradella: l’attività si svolge il venerdì dalle 8.00 alle 11.30.
Casorate Primo: l'attività si svolge il lunedì e il mercoledì, dalle 9.00 alle 10.00

2. DRIVE THROUGH DI VARZI
L’accesso avviene unicamente su prenotazione al numero 0383-547235 attivo dal lunedì al venerdì, dalle 09:30 alle 12:00 L’attività si svolgerà regolarmente il martedì e giovedì dalle 08:30 alle 11:00.

3. DRIVE THROUGH PROGETTO IGEA – IN COLLABORAZIONE CON AEREONAUTICA
L’attività è ad accesso diretto con impegnativa del medico curante. L’esecuzione dei tamponi si svolge dal lunedì al venerdì dalle ore 8:00 alle ore 14:00

VIGEVANO: Palazzetto dello Sport - via Gravellona, 68
VOGHERA: Piazzale Enrico Fermi

 

SOMMINISTRAZIONE DEL VACCINO ANTI-COVID | La Direzione Strategica

Raggiunta la quota di 2000 prime dosi somministrate verso sanitari di ASST ritengo opportuno condividere la storica esperienza della vaccinazione auspicando che anche i pochi indecisi vedano in questa azione un incentivo e una rassicurazione alla somministrazione del vaccino.
Pur nella consapevolezza della volontarietà della scelta vi è un dovere che poggia su principi etici e di comunità a cui gli operatori sanitari sono chiamati a rispondere per primi.
Con questo spirito e queste convinzioni, la Direzione Strategica di ASST di Pavia ha scelto di ricevere la prima somministrazione.

(il Direttore Generale)
Dott. Michele Brait   

 

ATTIVAZIONE CORSO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA NASCITA IN TELEMEDICINA

Mercoledì 13 Gennaio 2021, presso l’Ospedale Civile di Vigevano, ha avuto luogo la conferenza di presentazione del nuovo Corso di accompagnamento alla nascita in Telemedicina, alla presenza del Direttore Generale di ASST Pavia, Dott. Michele Brait.

I Corsi di Accompagnamento alla Nascita si prefiggono di rispondere all'esigenza delle donne di ricevere informazioni riguardo alla gravidanza, al parto, all'allattamento, alla genitorialità e all'accudimento del bambino e hanno inoltre lo scopo di fornire tecniche adeguate ad affrontare la paura e il dolore durante il travaglio.

Il programma prevede lezioni mirate relative a tematiche quali:

    • fisiologia della gravidanza
    • travaglio e parto
    • travaglio indotto e taglio cesareo
    • post partum
    • allattamento al seno

Il servizio viene erogato da un’ostetrica con il contributo di un assistente sociale, dell'ostetrica del territorio, del pediatra con l'infermiera di neonatologia, dell'anestesista e del ginecologo.
Sono previsti 9 incontri mono o bisettimanali in piccoli gruppi, in genere al pomeriggio. In un incontro è prevista anche la presenza dei papà.
Per partecipare al Corso occorre la prenotazione telefonica al numero 0381 - 333331. La partecipazione è g.ratuita, con impegnativa compilata dagli specialisti di ASST Pavia.

Nel desiderio di offrire la possibilità di ricevere , anche se a distanza, questo prezioso servizio, ASST Pavia, nella persona della direttrice dell’UOC Ostetricia e Ginecologia di Vigevano, dott.ssa Luciana Babilonti, ha quindi attivato un corso interattivo a distanza, che permetterà ai futuri genitori di poter accedere a tutte le informazioni e i consigli necessari al momento del parto e alla cura del bambino.
ASST Pavia invita le pazienti in gravidanza ad iscriversi: si cercherà di creare una piacevole esperienza, mantenendo la possibilità di parlare anche con gli Specialisti interessati al Percorso Nascita.
La Telemedicina renderà senza dubbio più semplice poter raggiungere donne che per motivi logistici non potevano recarsi in Ospedale per seguire il Corso

VACCINAZIONI ANTI-COVID | AVVIO PRESSO L'OSPEDALE CIVILE DI VOGHERA

Oggi, 7 gennaio 2021, alla presenza della Direzione Strategica, sono iniziate le vaccinazioni a favore del personale di ASST Pavia, presso l’Ospedale Civile di Voghera. La somministrazione ha avuto luogo, a partire dalle ore 10.00, presso il Reparto di Urologia, primo piano.
La campagna in Lombardia prevede la vaccinazione del personale delle ASST, IRCCS, Spedalità privata, RSA e Medici di Medicina Generale. L'obiettivo è quello di arrivare ad una copertura progressiva del 70%, rispettando le scadenze fissate per tutte le regioni.
Le dosi di richiamo saranno effettuate dopo 21 giorni dalla prima somministrazione.
Le attività di vaccinazione saranno svolte da una apposita equipe dedicata, composta da medici e infermieri dell’Azienda.
Da domani, 8 gennaio 2021, verranno avviati i percorsi di vaccinazione per tutti gli ospedali di ASST Pavia.

AVVIO DELLA CAMPAGNA DI VACCINAZIONI ANTICOVID-19 DI ASST PAVIA

E' iniziata ufficialmente oggi, 4 gennaio 2021, presso l’Ospedale Civile di Vigevano, alle ore 15.00, alla presenza della Direzione Strategica, la campagna vaccinale contro il Covid-19 di ASST Pavia.
La somministrazione ha luogo nei locali dell’Area SPDC (Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura), appositamente allestiti e dedicati alla somministrazione del vaccino.
La campagna in Lombardia prevede la vaccinazione del personale delle ASST, IRCCS, Spedalità privata e RSA. Si prevede una capacità di somministrazione iniziale fino ad un massimo di 10mila dosi al giorno, che potrà essere successivamente incrementata fino a 15mila. Questi numeri saranno in grado di rispondere al fabbisogno necessario a coprire la popolazione sanitaria delle strutture, con l'obiettivo di raggiungere il requisito di covid free, rispettando la scadenza fissata per tutte le regioni, entro la fine del mese di febbraio, con la dose di richiamo da effettuare dopo 21 giorni.
Le attività di vaccinazione saranno svolte da una apposita equipe dedicata, composta da medici e infermieri dell’Azienda.
ASST Pavia procederà, in attuazione della programmazione regionale, anche alla somministrazione del vaccino ai Medici di Medicina Generale.

AVVIO DEL PROGETTO INNOVATIVO DI TELERIABILITAZIONE COGNITIVA

Al via il nuovo progetto di Tele-riabilitazione Cognitiva di ASST Pavia, a cura del dott. Fabrizio Pasotti, Neuropsicologo, da anni impegnato nella diagnosi e nel trattamento dei deficit cognitivi presso la U.O. di Riabilitazione specialistica degli Ospedali di Voghera e di Mortara.
Il progetto nasce dal forte interesse della Direzione Generale per il tema della telemedicina, in collaborazione con il Cognitive and Forensic Neuropsychology Lab - Neuroscience and Society Lab, (http://www.cfnns.it/) diretto dalla Prof.ssa Gabriella Bottini del Dipartimento del Sistema del Nervoso e del Comportamento dell’Università degli Studi di Pavia.
 Partendo dal presupposto che l’organizzazione del sistema nervoso non è statica, ma passibile di modificazioni (concetto della plasticità cerebrale), è possibile agire sul paziente con interventi di riabilitazione e/o di stimolazione neuropsicologica. Su questo principio si basa il sistema del Neurotablet (http://www.neurotablet.com/): lo strumento che sarà utilizzato per il trattamento e che prevede la definizione di esercizi riabilitativi calibrati su ogni singolo paziente.
I pazienti potranno accedere al trattamento attraverso una prima selezione presso l’Ambulatorio di Fisiatria e, dopo un’estesa valutazione neuropsicologica, inizieranno la riabilitazione al proprio domicilio con un monitoraggio settimanale on-line o in presenza. Saranno trattati principalmente pazienti con esiti di ictus cerebrale, Mild Cognitive Impairment (MCI) o Demenza Lieve, Parkinson e Sclerosi Multipla o altre patologie con impatto sul sistema cognitivo.

Verrà eseguita un’analisi del livello cognitivo-emotivo-comportamentale, della qualità della vita del paziente e del caregiver, unitamente alle loro aspettative ed alla bontà generale del servizio erogato.
l’Ambulatorio di Neuropsicologia Clinica e Riabilitativa, di cui è responsabile il Dott. Fabrizio Pasotti, opera sia presso l’Ospedale Civile di Voghera che all’interno dell’Ospedale Asilo Vittoria di Mortara, ed offre un
servizio rivolto a persone con sospetti deficit cognitivi-emotivi-comportamentali di origine neurologica o da condizioni mediche generali (ad esempio ictus, trauma cranio-encefalico, anossia, neoplasie, sclerosi
multipla, Parkinson, epilessia, demenze, insufficienza d'organo…). È possibile programmare un eventuale trattamento riabilitativo per i deficit riscontrati in regime di MacroAttività-Complessa (MAC), ambulatoriale o in teleriabilitazione. 

Le attività svolte nell’Ambulatorio di Neuropsicologia sono:

  • Valutazione neuropsicologica: inquadramento in termini di diagnosi funzionale mediante colloquio psicologico clinico ed esame neuropsicologico con test tarati e standardizzati (linguaggio, memoria,attenzione, funzioni esecutive, ragionamento, capacità visuo-spaziali e percettive).
  • Riabilitazione: recupero e/o stimolazione delle abilità cognitive mediante tecniche specifiche (cartamatita e computerizzate) come indicato dalle linee guida e dalla ricerca scientifica nazionale e internazionale. Supporto psicologico e al reinserimento sociale, scolastico e lavorativo.

PIANO VACCINAZIONE COVID Il Direttore Generale di Asst Pavia, presente con i suoi primari, al San Matteo, per le prime vaccinazioni.

L’Assessore al Welfare di Regione Lombardia, Avv.to Giulio Gallera, nella conferenza stampa di mercoledì 23.12.2020, ha annunciato l’avvio della campagna vaccinale anti-Covid per domenica 27 dicembre 2020.
Si tratta dell'avvio simbolico della campagna vaccinale che proseguirà diffusamente nei giorni successivi, secondo il cronoprogramma previsto dal Piano nazionale redatto dal Commissario Straordinario Arcuri, che ha la responsabilità delle vaccinazioni in tutto il Paese.
Per la Provincia di Pavia, l’IRCCS Fondazione Policlinico San Matteo sarà l’Hub di consegna delle dosi assegnate e nel pomeriggio di domenica 27 dicembre 2020, il Direttore Generale di Asst Pavia, dott. Michele Brait, ha presenziato per l’avvio della campagna di vaccinazione.

In questa fase è stata data la precedenza ai clinici, per cui domenica pomeriggio è stata vaccinata una parte dei Direttori di ASST Pavia:
• dott. Magnani Luigi, Capo Dipartimento Area Medica e Direttore UOC Medicina Interna di Voghera e Medicina a Bassa Intensità di Casorate Primo
• dott. Carnevale Livio, Capo Dipartimento Emergenza ed Area Critica (DEA) e Direttore UOC Anestesia e Rianimazione Vigevano e Lomellina;
• dott. Maurizio Raimondi, Direttore UOC Anestesia e Rianimazione Voghera e Oltrepo’
• dott. Massimo Migliavacca, Capo Dipartimento di Chirurgia Specialistica, Direttore UOC Ortotraumatologia Vigevano;
• dott. Mario Alessiani, Direttore UOC Chirurgia Generale Ospedale di Broni-Stradella;
• dott. Vittorio Perfetti, Direttore UOC Medicina Interna Ospedale SS. Annunziata Varzi.

Le vaccinazioni anti coronavirus in Lombardia si struttureranno in quattro fasi. I primi ad essere vaccinati, dopo i medici e gli operatori sanitari, saranno gli ultra 60enni e le persone con immunodeficienza e o fragilità, oltre ai gruppi a rischio più elevato di grave malattia o morte.
La terza fase prevede vaccinazioni per insegnanti, lavoratori di servizi essenziali, carcerati e persone di ogni età con patologie meno gravi e a seguire, nella quarta fase, saranno vaccinati i cittadini rimanenti.
E’ nella speranza di tutti, che questa campagna di vaccinazione possa, in pochi mesi, porre la parola fine, alla pandemia che ha colpito così pesantemente il nostro paese. 

Nella foto, il Professor Mario Alessiani, Direttore UOC Chirurgia Generale Ospedale di Broni-Stradella

Conferenza Stampa di presentazione PIANO VACCINO COVID

ConferenzaStampa di presentazione del Piano vaccinale anti Covid a cura della Direzione Welfare di Regione Lombardia

Oggi, 23.12.2020, si è tenuta alle 10:30, presso Palazzo Lombardia a Milano, la Conferenza Stampa di presentazione del Piano Vaccinazione COVID a cura della Direzione Generale Welfare di Regione Lombardia.

La Conferenza Stampa è disponibile sul canale Youtube di Regione Lombardia al seguente link:
PIANO VACCINAZIONE COVID

Qui di seguito la dichiarazione odierna dell'Assessore Regionale al Welfare, Avv.to Giulio Gallera, in merito all'inizio della campagna vaccinale ANTICOVID.

(LNews - Milano, 23 dic) Da domenica 27 dicembre, la Lombardia avrà a disposizione le prime 324 fiale di vaccino anticovid che permetteranno di ottenere 1.620 dosi. Saranno consegnate all’Ospedale di Niguarda, conservate in crio box, dalle Forze armate, da dove poi partiranno per le altre 11 province.

Lo ha confermato l'assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera, affiancato dal referente regionale per la campagna di vaccinazione anti-covid, Giacomo Lucchini, presentando il 'V-day'.

"Si tratta dell'avvio simbolico - ha detto Gallera - di una vera e propria campagna vaccinale che prenderà avvio nei giorni successivi secondo il cronoprogramma previsto dal Piano nazionale redatto dal commissario straordinario Arcuri che ha la responsabilità delle vaccinazioni in tutto il Paese. Oggi comunque vogliamo dare un messaggio importanti ai cittadini".

Contemporaneamente sarà distribuito anche tutto il materiale di consumo - il cui approvvigionamento è in capo alla struttura commissariale - e i dispositivi di protezione. Da lì dosi e materiali saranno trasferiti nei siti e nelle altre 11 province lombarde (vedi elenco in basso ndr) - e in 14 siti - in modo tale che si possa partire subito con la somministrazione a professionisti sanitari e sociosanitari fino ad esaurimento delle prima dosi a disposizione.

"Secondo noi - ha proseguito Gallera - è corretto che anche dal punto di vista simbolico l'avvio della vaccinazione avvenga in tutte le province e in alcuni luoghi simbolo, tra cui l'ospedale di Alzano e quello di Codogno. Per questo, il pomeriggio del 27, ci saranno somministrazioni anche al Pio Albergo Trivulzio".

Fra i primi a sottoporsi alla vaccinazione medici 'simbolo' della pandemia. A Milano, ad esempio, i professori Galli, Zangrillo, Rizzardini, Pesenti, Harari, Pregliasco e Signorelli. A Varese il professor Grossi, a Mantova il professor De Donno e a Pavia il professor Bruno. Ha confermato la sua disponibilità a sottoporsi a vaccinazione anche la dottoressa Annalisa Malara.

In Lombardia i primi vaccinati saranno i presidenti degli ordini dei medici e degli infermieri, poi i rappresentanti degli operatori socio-sanitari. E poi i Medici di Medicina generale, il personale dell'emergenza urgenza e delle Rsa.

Hanno confermato la propria adesione:

- I presidenti dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di tutte le province della Lombardia
- I presidenti dell'Ordine delle Professioni Infermieristiche di tutte le province della Lombardia
- Il presidente Nazionale degli Infermieri Barbara Mangiacavalli
- Cooperative Medici di medicina generale.

In rappresentanza delle Croci, i presidenti:
- ANPAS, Fabrizio Pregliasco
- Misericordiae Croce Bianca Milano, Paola Erba
- Croce Rossa, Emilio Ghiringhelli Volontario CRI Area Nord Milanese
- AREU, Alberto Zoli

In rappresentanza della Categoria OSS sarà vaccinata Adele Gelfo che durante l'emergenza ha sempre lavorato nel reparto di terapia intensiva del Niguarda e Grazia Fresta per gli 'addetti ai servizi".

Al momento non è prevista nessuna obbligatorietà e le 65 strutture HUB sono state individuate in base alla copertura geografica, al numero di operatori e ospiti presenti nelle strutture sanitarie e sociosanitarie e agli spazi per la conservazione del vaccino (disponibili o in approvvigionamento) e condivisione delle relative procedure A ciascuna delle strutture HUB sono associate le strutture SPOKE (presidi e RSA).

LUCCHINI: DIAMO ESECUZIONE A INDICAZIONI STRUTTURA COMMISSARIALE - "Diamo esecuzione alle indicazioni ricevute a livello nazionale - ha spiegato Giacomo Lucchini - e abbiamo individuato le 65 strutture Hub. E' uno sforzo senza precedenti, un grande impegno collettivo basato su trasparenza, serietà e massima sicurezza per tutti. L'attuazione è affidata alla struttura commissariale per l'emergenza, mentre la governance è garantita dal Ministero della Salute e dalla Conferenza Stato-Regioni".

"Ad oggi - ha continuato Lucchini - la consegna è prevista a partire da lunedì 28 dicembre, e l'avvio ufficiale della campagna procederà in maniera uniforma a livello nazionale. Cominceranno per primi gli hub, verosimilmente nel corso di 3 settimane e in modo da avere pianificazione delle dosi successive, con la 3 settimana poi inizieranno le Rsa. Secondo il piano approvato dal Parlamento verranno messe a disposizione dosi vaccino e tutto materiale di consumo e dispositivi di protezione per la campagna vaccinale attraverso la struttura commissariale  del Governo".

Per quanto riguarda invece il personale e i sistemi informativi, per la prima fase la Regione procederà  alla gestione della somministrazione attraverso proprio personale e un proprio sistema informativo".

Le strutture che inizieranno per prime sono gli hub, nel corso di tre settimane, in modo da avere la garanzia della funzionalità delle strutture e la pianificazione delle  dosi successive. Dalla seconda settimana immaginiamo che inizino i   presidi ospedalieri e nella terza le Rsa. Le strutture coinvolte pianificheranno inoltre i piani nei loro territori di competenza. (LNews)

Come cambiare il Medico di Medicina Generale tramite il Fascicolo Sanitario Elettronico | Video Tutorial

 

Video tutorial visibile su Youtube per cambiare il medico tramite il Fascicolo Sanitario ElettronicoASST Pavia ha pubblicato sul proprio canale YouTube un video tutorial nel quale vengono descritti tutti i passaggi per cambiare, in autonomia, il Medico di Medicina Generale (MMG) o il Pediatra di Libera Scelta (PLS) tramite il Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE). Attraverso la procedura online non è possibile scegliere i medici massimalisti (eventuali deroghe potranno essere accolte agli sportelli di scelta e revoca). E' invece possibile scegliere online un nuovo medico se il precedente ha cessato l'attività (es. per pensionamento). Cosa occorre per cambiare il medico o il pediatra online:  

  • disporre della Tessera Sanitaria - CNS dell’interessato (o del figlio minorenne);
  • l'interessato (o il genitore/il legale rappresentante del minore), dovrà disporre di una modalità di autenticazione al sito del Fascicolo sanitario elettronico;
  • nel caso di cambio del pediatra o del medico per un minorenne, il genitore/legale rappresentante dovrà autocertificare online, ai sensi di legge, di essere il legale rappresentante del minorenne.

ATTENZIONE: quando viene scelto il medico o il pediatra per la prima volta, bisogna recarsi presso gli sportelli di Scelta e Revoca delle ASST del territorio; sarà possibile eseguire l’operazione online dal cambio successivo. Il cambio da pediatra a medico di medicina generale è possibile al compimento del quattordicesimo anno di età del minore.

OMAGGIO STAMPA "L'EROE" DI GIUSEPPE AMISANI ALL'OSPEDALE SAN MARTINO DI MEDE

Venerdì 18 dicembre 2020 il Centro Artistico Culturale “G. Amisani” ha deciso di omaggiare l’Ospedale San Martino di Mede con una stampa dell’opera “L’Eroe” del pittore medese Giuseppe Amisani, per ricordare lo straordinario impegno di medici, infermieri e operatori socio-sanitari in questo terribile momento di pandemia Covid-19.
Giuseppe Amisani, di grande fama durante la Belle Époque, ha partecipato, nel 1908, al concorso per il Premio Mylius-Bernocchi proprio con l’opera L’Eroe, raffigurante un medico che si somministra un vaccino. Il Centro Artistico Culturale “G. Amisani” si occupa di rivalutare gli artisti medesi, come Amisani, e organizza mostre e concorsi di pittura.

“Nell’opera “L’Eroe” il gesto deciso dello scienziato che s’inietta il siero e prova stoicamente la virtù del medicamento nuovo è raffigurato in un nobilissimo equilibrio di colori e di masse, con una nervosità tipica di interpretazione. L’emozione di chi guarda è accentrata sovra le mani del dottore, una delle quali poggia sul cristallo del tavolino e l’altra si contrae nella pressione della siringa di vetro: mentre il volto è calmissimo animato dalla curiosità piuttosto che dal timore.” (R. Calzini)

Il Reparto di Medicina è diretto dal dott. Simone Bagnoli. L'accesso al Reparto avviene attraverso il PPI e attraverso ricoveri programmati. Il Reparto si avvale dei seguenti specialisti: neurologo, oculista, otorino, ortopedico, ginecologo, nefrologo, fisiatra, cardiologo e dietista.
L'assistenza ai pazienti ricoverati prevede il coinvolgimento di medici, infermieri, operatori tecnici dell'assistenza (O.T.A.) e operatori socio sanitari (O.S.S.). Le patologie più frequentemente trattate sono: cardiocerebrovascolari, polmonari, dismetaboliche, epatologiche e oncologiche.
Presso l’Ospedale San Martino di Mede è anche presente l’Hospice, diretto dal dott. Ivan Battistin, che, attraverso cure attive e globali, garantisce la miglior qualità di vita possibile alla persona malata. Le Cure Palliative hanno l'obiettivo di favorire un percorso di cura ed assistenziale individuale (person-oriented) in cui il malato è una Persona con i suoi sentimenti, le sue conoscenze, i suoi bisogni, le sue credenze rispetto al proprio stato di salute e che, come tale, è posto al centro della cure. L’offerta di cura non è rivolta soltanto a pazienti affetti da patologia neoplastica, ma anche al trattamento dei malati con insufficienza, sia mono che multi organo, in fase “end stage”.
Il Direttore Generale di ASST Pavia, dott. Michele Brait, esprime un sentito e profondo ringraziamento al Centro Culturale “G. Amisani” che ha voluto far sentire la propria vicinanza e solidarietà al personale impegnato in prima linea nella gestione dell’emergenza sanitaria.

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE SPRAY | ESTENSIONE GRATUITA' FINO AD ESAURIMENTO DOSI

Quest’anno la campagna vaccinale ricopre un ruolo particolarmente significativo, alla luce dell’attuale pandemia di Coronavirus SARS-CoV-2.
La vaccinazione antinfluenzale ai bambini ha la duplice finalità di facilitare il riconoscimento dei sintomi del Covid-19 e di proteggerli dalle complicanze dell'influenza stagionale.
Inoltre, oggi, la somministrazione del vaccino antinfluenzale nei bambini, ha superato il momento spiacevole dell’iniezione, con l’introduzione del vaccino spray.
Regione Lombardia, per garantire una copertura efficace tra i bambini, ha acquistato i vaccini antinfluenzali spray da somministrare, in due dosi, ai bimbi tra i 2 e i 6 anni di età, limite ampliato a fine novembre fino ai 10 anni a seguito del parere richiesto da Regione Lombardia al Ministero della Salute che, tramite l’Agenzia Italiana del Farmaco AIFA, ha chiarito di ritenere adeguata la protezione fornita già dalla prima dose di vaccino, nei bambini mai vaccinati contro l’influenza.
Per questo motivo, Regione Lombardia, a partire dal 7 dicembre 2020, ha ulteriormente esteso la possibilità di somministrazione ai ragazzi fino ai 18 anni di età, fino ad esaurimento delle dosi.
In merito a quest’ultima estensione, l’Assessore al Welfare Giulio Gallera ha dichiarato: “Si tratta di una opportunità davvero importante, che permette di estendere la platea delle vaccinazioni ai più giovani, attraverso questo vaccino ritenuto molto innovativo”.
Per poter accedere alla somministrazione del vaccino antinfluenzale spray è necessario prenotarlo dal Pediatra se lo stesso ha aderito alla campagna vaccinale. In caso contrario si potrà prenotare presso i centri vaccinali di ASST Pavia, indicati sul sito web istituzionale www.asst-pavia.it alla pagina dedicata alla CAMPAGNA DI VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE 2020-2021.

Le regole dello star bene | Bellezza e Benessere - 27.11.2020

La società di oggi dà molta importanza all’aspetto esteriore, si pensa che essere “belli” possa far raggiungere la felicità, l’amore ed il successo. In realtà i canoni di bellezza variano nel tempo ed è importante dare il giusto peso alla nostra immagine, per evitare problemi psicologici spesso gravi. La puntata de Le regole dello star bene del 27 novembre è dedicata alla bellezza, agli interventi di chirurgia plastica più richiesti e alle motivazioni che spingono sempre più persone a voler modificare il proprio aspetto. Focus importante anche sui disturbi del comportamento alimentare e sulla della nostra pelle, non solo un fatto estetico, ma soprattutto un elemento importante per la nostra salute. 
Link alla puntata del 27.11.2020

Ospiti della puntata
Dr. Edoardo Garassino - chirurgo plastico Centro Medico Vigevanese
Dr.ssa Manuela Cimorelli - dietista ASST Pavia
Dr.ssa Maria Rosa Gaviglio - dermatologa Studio Gaviglio
Dr.ssa Claudia Jasmine Marelli - psicoterapeuta Centro EOS per il benessere psichico

 

NUOVA ATTIVAZIONE "SERVIZI DI TELEMEDICINA"

Considerata l’attuale emergenza epidemiologica e la necessità di ridurre tutte le occasioni di spostamento, incluse quelle legate a visite mediche differibili, ASST di Pavia ha varato un servizio sperimentale di “tele-visita”, nell’ambito delle misure adottate per il contrasto al Covid-19, per permettere ai pazienti che lo desiderano di usufruire di un colloquio a distanza con i medici attraverso il sistema di videoconferenza di ASST Pavia. 
Regione Lombardia, nel definire i percorsi di cura in relazione all'andamento dell'epidemia da Covid-19 ed in attuazione al piano di riorganizzazione ospedaliera definito con la deliberazione di Giunta n. XI/3264 del 16 giugno 2020 promuove l'introduzione di sistemi di telemedicina di facile utilizzo ed in linea con la normativa vigente in tema di protezione dei dati personali. 

(per saperne di più...)

1 dicembre | La rete di prevenzione, protezione e tutela delle vittime di violenza di genere

Con la partecipazione della Dott.ssa Alma Gazzaniga e della Dott.ssa Anna Maria Maruccia

3 DICEMBRE | GIORNATA INTERNAZIONALE DELLE PERSONE CON DISABILITÀ 2020

Il 3 dicembre si celebra ogni anno la Giornata internazionale delle persone con disabilità, proclamata dall’ONU nel 1981, per promuovere i diritti e il benessere dei disabili e per intraprendere azioni per la loro effettiva partecipazione e inclusione in tutti gli aspetti della vita sociale, politica, culturale  ed economica. 

Quest’anno la Giornata durerà per tutta la settimana dal 30 novembre al 4 dicembre in concomitanza con la 13a sessione della Conferenza degli Stati facenti parte della Convenzione sui diritti delle persone con disabilità.

Il tema scelto dall’ONU per il 2020 è: “Ricostruire meglio: verso un mondo post COVID-19 inclusivo della disabilità, accessibile e sostenibile”
E’ innegabile come la pandemia da COVID-19 abbia messo in luce le fratture e le disuguaglianze nella nostra società, impattando in modo differente sulle diverse fasce di popolazione e gravando in particolare su quelle più fragili. Diventa sempre più urgente ripensare i modelli organizzativi e sociali, tenendo conto delle disuguaglianze sociali per crearne di nuovi, in cui vi siano le condizioni essenziali per garantire a ciascuno di esercitare I propri diritti, di vivere in modo indipendente e di partecipare pienamente a tutti gli aspetti della vita e dello sviluppo, così come  ribadito anche nell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, fondata sul principio che “nessuno sia lasciato indietro”.

La Giornata internazionale delle persone con disabilità si celebra a pochi giorni da un’altra  importante ricorrenza: la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.
Lo scorso gennaio è stato pubblicato il primo Rapporto di valutazione sulle misure poste in essere dall’Italia per dare attuazione alle disposizioni della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne  e alla violenza domestica. Il rapporto, redatto dal GREVIO, il Gruppo di esperti indipendenti per I diritti umani responsabile del monitoraggio dell’attuazione della Convenzione di Istanbul, riconosce e segnala all’Italia la vulnerabilità delle donne con disabilità alla discriminazione multipla e alla violenza di genere.
“Gli ultimi dati di prevalenza, basati sull’indagine dell’ISTAT del 2014 (Istituto nazionale di statistica italiano), mostrano che circa il 36% delle donne con problemi di salute e/o affette da disabilità sono state vittime di qualche forma di violenza fisica o sessuale, rispetto all’11.3 % dell’intera popolazione femminile. Il rischio di stupro o tentato stupro raddoppia per le donne con disabilità e si attesta al 10 %, rispetto al 4,7% per le donne non affette da disabilità. Questi dati sono stati confermati da dati di prevalenza recentemente raccolti dall’Osservatorio nazionale sulla violenza contro le donne con disabilità” (pag 16 Rapporto valutazione Grevio)

Sensibilizzare e informare su queste tematiche, in modo sistematico ed interconesso, sono fra le azioni messe in campo dalla Direzione Socio Sanitaria di ASST Pavia per prevenire e contrastare discriminazioni e violenze, insieme alla volontà di migliorare la fruibilità dei servizi fornendo  strumenti di informazione accessibili a tutti.  ⇒  info Spazio Fragilità – UOS Fragilità e Integrazione Sociale

► VIDEO in Lingua dei Segni Italiana “I segni contro la violenza alle donne” 

CONVENZIONE SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA’ 

► Rete interistituzionale antiviolenza Pavia

Le regole dello star bene | Nel mondo dei neonati - 20.11.2020

 

Le regole dello star bene Trasmissione di Milano Pavia TV

In un periodo difficile come quello che stiamo attraversando, tendiamo a vedere solo gli aspetti negativi e a perdere di vista invece il grande dono che ci è stato fatto e che dobbiamo utilizzare nei migliore dei modi, ovvero la nostra vita. Ecco perchè abbiamo deciso di dedicare la puntata delle regole dello star bene del 20 novembre alla vita che nasce, ovvero ai più piccoli, ai neonati, e a tutte le mamme e i papà che iniziano il cammino di genitori. Con l’aiuto degli specialisti in studio, spieghiamo in modo semplice ma esaustivo quali siano le modalità migliori per affrontare travaglio e parto, quali i primi screening dei neonati, quali i suggerimenti per un allattamento in serenità. Un approfondimento speciale è dedicato al massaggio infantile e all’importanza dei corsi preparto. Link alla puntata del 20.11.2020

Ospiti della puntata:
Dr. Carlo Fugini, Direttore Unità Operativa di Pediatria e Nido Ospedale di Voghera
Dr.ssa Silvia Arrigoni, Ginecologa U.O.C. di ostetricia e ginecologia di Vigevano
Roberta Garbin, ostetrica Ospedale di Voghera
Raffaela Flaccavento, puericultrice Ospedale di Voghera

27 NOVEMBRE | ATTIVAZIONE DRIVE THROUGH TAMPONI PRESSO PIAZZALE FERMI, VOGHERA

Dopo l’attivazione già effettuata a Vigevano, a partire da Venerdì 27 novembre, il progetto Drive Through Tamponi parte anche a Piazzale Fermi, Voghera.
L'attività verrà garantita grazie al supporto del personale dell'Aeronautica e i test verranno erogati in modalità ad accesso diretto, senza prenotazione, con impegnativa del proprio medico curante.

Al punto di sosta per l’esecuzione del tampone, l'utente dovrà presentarsi con tessera sanitaria e documento d’identità da esibire al medico per opportuna identificazione e con impegnativa da consegnare per concludere la parte amministrativa.
Il Drive Through Tamponi sarà attivo dal Lunedì al Venerdì, dalle ore 8.00 alle ore 14.00, a seguito di procedura di accettazione amministrativa (svolta da personale ASST), l'utenza sarà invitata a spostarsi nel tendone allestito dall'Aeronautica dove il personale effettuerà il tampone molecolare.

La consegna dei referti avverrà attraverso il Fascicolo Sanitario Elettronico; qualora non ancora in possesso delle credenziali per accedere al suddetto fascicolo è possibile usufruire del servizio temporaneo di consultazione online dei referti tamponi COVID–19 con accesso facilitato dal sito di ASST Pavia alla voce “consulta il referto Covid online”, previo rilascio del consenso al trattamento dei dati personali.

Il progetto Drive Through Tamponi presso Piazzale Fermi è curato dalla Direzione Socio-Sanitaria di ASST di Pavia, diretta dal Dott. Armando Gozzini.

In occasione dell’inaugurazione, venerdì 27 novembre alle ore 11:00, sarà presente il Direttore Generale, dott. Michele Brait, accompagnato dal personale dell’Aeronautica impegnato sul campo.  

     
 

Le regole dello star bene | Benessere delle articolazioni - 6.11.2020

 

Le regole dello star bene Puntata del 06.00.2020

I problemi alle articolazioni possono essere molto fastidiosi e, quando diventano cronici, finiscono con l’interferire con la vita sociale e lavorativa, fino a diventare invalidanti. Ecco perché proteggere le articolazioni è fondamentale. La puntata de Le regole dello star bene del 6 novembre è dedicata al benessere di anche, ginocchia, spalle, gomiti, per scoprire quali comportamenti possono prevenirne le patologie, quale sia l’alimentazione consigliata, quali gli esercizi in grado di rafforzarli. Particolare attenzione è dedicata anche a quali siano le terapie fisiatriche consigliate, con un focus sull’osteopatia, efficace per la prevenzione e il benessere globale. Link alla puntata del 06.11.2020

Ospiti della puntata
Dr. Massimo Migliavacca – Direttore UOC Ortopedia e Traumatologia  Ospedale civile di Vigevano
Dr.ssa Maria Teresa Martino, fisiatra e Resp. UOS Rieducazione motoria Ospedale di Mortara

 

25 NOVEMBRE | GIORNATA INTERNAZIONALE PER L'ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

 Per la Giornata Internazionale contro la Violenza di Genere 2020 non si può non rapportare questo importante appuntamento alla situazione pandemica che stiamo vivendo e ridefinirne i mutati confini psichici, sociali e relazionali.
 Non sempre restare a casa è l’opzione migliore. Per molte donne significa ritrovarsi rinchiusa insieme a un uomo violento, aggressivo e manipolatorio. La tensione della situazione, unita alla noia e alla convivenza forzata e prolungata, priva di valvole di sfogo, può portare ad un aggravarsi di situazioni di violenza già esistenti e alla nascita di nuove.
 Anche UN Women, l’Organizzazione delle Nazioni Unite dedicata alla parità di genere e all’emancipazione delle donne, afferma che in tempi di incertezza economica e di instabilità sociale, l’abuso domestico aumenta.
In Italia dove l’81,2 % dei femminicidi, nel 2019, è avvenuto all’interno della famiglia.
 Durante la pandemia globale, la violenza contro le donne si è manifestata in diverse forme. Non solo c’è stato un aumento della violenza domestica, ma anche della violenza online o virtuale, facilitata dalle tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Infatti, durante la pandemia le donne hanno usato Internet con maggiore frequenza.
UN WOMEN sostiene che ci sia stato un incremento dell’uso del web del 70% poiché a causa delle limitazioni imposte dal COVID-19 è sorta la necessità di utilizzare piattaforme online per lavoro, scuola e altre attività sociali.
Le donne sono state oggetto di violenza sotto forma di minacce fisiche, molestie sessuali, stalking. Tutto ciò ha comportato delle conseguenze negative nella salute psicologica, sociale e riproduttiva delle donne.
  Oggigiorno ed in particolare durante l’emergenza sanitaria, l’accesso ad Internet è diventato una necessità ed è sempre più considerato come un diritto  fondamentale.

Il Consiglio d’Europa nella Dichiarazione sull’attuazione della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica (Convenzione di Istanbul) durante la pandemia COVID-19 del 20 aprile 2020, afferma che gli Stati parti devono:
    • sforzarsi per includere una prospettiva di genere nell’elaborazione e attuazione di strategie per combattere la pandemia COVID-19 al fine di valutare l’impatto delle misure adottate per contenere il virus sull’esposizione delle donne al rischio di varie forme di violenza di genere, quali la violenza domestica, lo stalking, le molestie sessuali e la violenza online; attuare politiche volte a frenare la violenza contro le donne durante la pandemia;
    • prendere in considerazione l’adozione di misure, quali comunicati stampa, campagne televisive, radiofoniche o sui social media, volte a sensibilizzare l’opinione pubblica sull’aumento del rischio di violenza contro le donne durante la pandemia;
    • garantire la continuità dei servizi di sostegno alle vittime di tutte le forme di violenza rientranti nell’ambito della Convenzione, sviluppando modi alternativi per fornire i servizi, ad esempio affiancando le linee di assistenza telefonica con sistemi di chat online e piattaforme di consulenza al fine di fornire sostegno sociale e assistenza psicologica alle vittime;
    • garantire la segnalazione dei reati per consentire alle donne vittime di violenza di presentare una denuncia tramite metodi online o tramite nuovi canali come l’iniziativa adottata da numerosi governi di utilizzare una parola in codice”mascherina 1522” nelle farmacie per le vittime al fine di denunciare la violenza subita da parte del partner durante la pandemia.

Le istituzioni ed i servizi specifici sono chiamati a ripensare a nuove pratiche e misure da adottare per prevenire il rischio, continuando ad assicurare il supporto mantenendo una rete di sostegno per contrastare la violenza di genere.
L’accompagnamento alle donne nel decodificare i segnali che provengono dal proprio sentire, serve a dare voce e parola ai loro vissuti di smarrimento, che non esprimono per paura di non essere comprese dall’altro, prede di una confusione che le disorienta.
In particolare la manipolazione psicologica o gaslighting è una violenza psicologica molto  diffusa e molto difficile da riconoscere con sé stessi e  condividere con altri, a cui è difficile mostrare i propri “lividi della mente”.
 Questa è la ragione per cui tanti atteggiamenti e comportamenti che  le donne vittime mettono in atto, possono apparire poco congruenti, rinunciatari, spesso a confine con forme di mutismo psichico.

Risulta fondamentale poter comunicare o dare forma con le parole scritte   al riconoscimento dei propri vissuti emotivi con operatori sensibilizzati  ad un ascolto empatico, di comprensione, che  possono accogliere paure, riconoscere emozioni, ridefinire relazioni e decodificare insieme la  narrazione di un ciclo di violenza.                                                                                                                                                  

I Consultori Familiari sono da sempre presenti sul territorio per offrire uno spazio d’ascolto alle donne in collaborazione con i Centri Antiviolenza Liberamente di Pavia, Kore di Vigevano e Chiara di Voghera.

E ricordando sempre il NUMERO GRATUITO NAZIONALE ANTI VIOLENZA E STALKING: 1522

 

24 NOVEMBRE | ATTIVAZIONE DRIVE THROUGH TAMPONI PRESSO IL PALAZZETTO POLIFUNZIONALE DI VIGEVANO

Dopo l’attivazione già effettuata presso il presidio ospedaliero di Varzi, a partire da Martedì 24 novembre, il progetto Drive Through Tamponi parte anche al Palazzetto polifunzionale di Vigevano.
L'attività verrà garantita grazie al supporto del personale dell'Aeronautica e i test verranno erogati in modalità ad accesso diretto, senza prenotazione, con impegnativa del proprio medico curante.
Al punto di sosta per l’esecuzione del tampone, l'utente dovrà presentarsi con tessera sanitaria e documento d’identità da esibire al medico per opportuna identificazione e con impegnativa da consegnare per concludere la parte amministrativa.
Il Drive Through Tamponi sarà attivo dal Lunedì al Venerdì, dalle ore 8.00 alle ore 14.00, a seguito di procedura di accettazione amministrativa (svolta da personale ASST), l'utenza sarà invitata a spostarsi nel tendone allestito dall'Aeronautica dove il personale effettuerà il tampone molecolare.

La consegna dei referti avverrà attraverso il Fascicolo Sanitario Elettronico; qualora non ancora in possesso delle credenziali per accedere al suddetto fascicolo è possibile usufruire del servizio temporaneo di consultazione online dei referti tamponi COVID–19 con accesso facilitato dal sito di ASST Pavia alla voce “consulta il referto Covid online”, previo rilascio del consenso al trattamento dei dati personali.
Il progetto Drive Through Tamponi è curato dalla Direzione Socio-Sanitaria di ASST di Pavia, nella persona del Dott. Daniele Maniaci, in funzione di responsabile.

Così, a riguardo, si esprime il Dott. Armando Gozzini, Direttore Socio-Sanitario di ASST Pavia:

"ASST Pavia, con il Drive Through Tamponi, da martedì 24 a Vigevano, ed entro la settimana anche a Voghera, aderisce in modo operativo all'operazione IGEA condotta dalle Forze Militari italiane. La Direzione Socio Sanitaria di ASST Pavia, in prima linea con l'assistenza territoriale conferma il proprio impegno di intensificare le risposte anche più prossime al bisogno, in questo momento difficile nella battaglia contro il Covid-19"

PALAZZO LOMBARDIA BLU PER I DIRITTI DEI BAMBINI

Il Belvedere di Palazzo Lombardia si illuminerà di blu, come ha deciso Regione Lombardia aderendo alla campagna mondiale di Unicef ‘Go Blue’, che ‘accende’ i monumenti più celebri al mondo.

Il 20 novembre si celebra la ricorrenza della Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza (1989) e Unicef, come ogni anno, propone il progetto ‘Go Blue’, che si concretizza in una giornata in cui tutti i palazzi delle istituzioni che aderiscono all’iniziativa, si illuminano di blu o proiettano la scritta ‘For every child’, al fine di sollevare l’attenzione dei cittadini sui diritti dei minori.

“Mai come quest’anno – ha commentato il presidente Attilio Fontana – a causa della pandemia di Covid-19, la felicità, la salute e il futuro di tantissimi bambini sono stati messi a rischio. Regione Lombardia ha deciso di accendere un faro su questo tema. Contribuendo così a portare avanti un’importante e suggestiva campagna di sensibilizzazione”.

Nuovo mammografo digitale per l'Ospedale Unificato di Broni - Stradella

Il Direttore Generale di ASST Pavia, dott. Michele Brait, annuncia l’ampliamento del parco strumentale aziendale complessivo grazie all’acquisizione di una nuova apparecchiatura ad alte prestazioni. 

Come già avvenuto presso gli Ospedali di Voghera e di Vigevano nel 2019, anche presso l’Unità Operativa di Radiologia dell’Ospedale Unificato di Broni – Stradella è stato installato un nuovo mammografo digitale (Fuji Amulet Innovality), che va a sostituire l’apparecchio analogico impiegato fino ad oggi.

Il nuovo mammografo consente un’estrema accuratezza diagnostica nello scoprire e localizzare le lesioni mammarie. Infatti, grazie all’utilizzo di una tecnologia di ultima generazione, chiamata Tomosintesi, che permette l’acquisizione di più immagini relative a strati diversi della mammella, il nuovo apparecchio porta ad un risultato diagnostico più efficace non solo rispetto alla mammografia analogica, ma anche a quella digitale classica. Eventuali lesioni, infatti, nella mammografia 2D potrebbero essere “coperte” da altre strutture, mentre l’esame dei diversi strati, come nella TAC, permette di ottenere informazioni più precise. 

Rispetto alle apparecchiature presenti fino ad oggi sul mercato, il nuovo mammografo non rende necessaria l’acquisizione ulteriore di una mammografia 2D per avere un’immagine completa della mammella, perché quest’ultima viene ottenuta “fondendo” le informazioni ottenute dai diversi strati; la dose di radiazioni alla paziente, quindi, non è maggiore rispetto a quella prevista per una mammografia 2D.

Inoltre, la disponibilità di un sistema PACS aziendale, cioè di un’infrastruttura per l’archiviazione e la trasmissione delle immagini digitali, permetterà di procedere, se necessario, con la refertazione dell’esame anche da parte degli specialisti radiologi presenti presso gli altri presidi dell’ASST di Pavia.

Questo intervento va a completare il programma di rinnovamento e potenziamento, finanziato da Regione Lombardia, delle tecnologie di diagnostica per immagini presso l’Ospedale Unificato di Broni - Stradella, dove dal mese di settembre è anche in funzione la nuova TAC a 32 strati.

La nuova TAC Somatom Scope Power è in grado di acquisire, in un’unica rotazione, 32 immagini riferite ad altrettante “fette” del corpo, con una risoluzione, cioè uno spessore dello strato, pari a 0,6 mm. Ciò consente di eseguire la quasi totalità degli esami che vengono effettuati su tomografi con un numero superiore di strati; nello specifico, gli esami muscolo-scheletrici, dell’addome, dell’encefalo, oncologici e dentali, salvo quelli cardiologici, che necessitano di un numero elevato di “fette”, e che sono comunque garantiti, per l’ASST Pavia, dalle TAC dell’Ospedale Civile di Voghera con TAC a 64 strati e dell’Ospedale Civile di Vigevano con TAC 160 a strati. 

Rientra nel programma di rinnovamento anche il nuovo Ecografo Voluson E6, inaugurato sempre a settembre, il cui punto di forza è l’ecografia 4D  per la quale vengono utilizzate delle sonde volumetriche, che sono in grado di acquisire 25-30 fotogrammi al secondo senza movimento della sonda; ne consegue una visualizzazione in movimento ed in tempo reale dell’immagine tridimensionale. 

Presso l’Unità Operativa di Radiologia vengono erogate, secondo i protocolli assistenziali, le seguenti prestazioni: Tomografia Computerizzata (cosiddetta T.A.C.), Mammografie, Ecografie e Diagnostica Strumentale Tradizionale.

Si conferma che tutte le prestazioni ambulatoriali, inclusa la diagnostica, vengono regolarmente effettuate in ASST senza sospensioni.

Galleria Fotografica