News dall'Azienda Socio-Sanitaria Territoriale

Tariffe per l'effettuazione del test antigenico rapido nelle farmacie e nelle strutture sanitarie

Con l'adozione della DGR 5196 del 6 settembre 2021, Regione Lombardia recepisce le previsioni dei protocolli definiti dalla struttura commissariale, d’intesa con il Ministero della Salute in merito all’effettuazione dei test antigenici rapidi, stabilendo in € 15 la tariffa per l’effettuazione di test antigenico rapido da tampone naso-faringeo e che per i test eseguiti in favore dei minori (12 - 18 anni) il relativo onere è così distribuito: 8 euro a carico dell’utente e 7 quale quota di contribuzione pubblica. Per gli over 18 tale onere è integralmente a carico del cittadino.

Vaccini | Terza dose per i più fragili

L’avvio della ‘fase 3’, ovvero la terza dose per i più fragili, permetterà di proteggere 150.000 pazienti immunocompromessi. Consentirà inoltre di avere  una fotografia sull’andamento attuale della campagna vaccinale anti-Covid. Tutto ciò certifica l’importante traguardo raggiunto dalla Lombardia con circa 14,6 milioni di dosi somministrate.

Il ciclo vaccinale a 3 dosi è previsto per le persone immunocompromesse , ad esempio trapiantati e gravi immunodepressi. La dose addizionale deve essere somministrata almeno dopo 4 settimane dalla seconda dose.

Il sistema di prenotazione e registrazione sarà sempre gestito da Poste tramite agenda dedicata. È comunque possibile effettuare la prenotazione presso le farmacie aderenti.
La somministrazione al personale sanitario sarà effettuata presso la propria struttura ospedaliera, mentre gli ospiti delle Rsa riceveranno la somministrazione presso la struttura in cui si trovano.

► Fase 3 - approfondimento

 

 

Le raccomandazioni ministeriali per la sicurezza del paziente: conoscerle per applicarle

Il 17 settembre di ogni anno, l'Organizzazione Mondiale della Sanità, i partner internazionali e tutti i Paesi celebrano la Giornata Mondiale della Sicurezza del Paziente.

In occasione di questa importante appuntamento annuale, ASST Pavia ha promosso ed organizzato una Giornata di studio - a cura della Funzione di Risk Management Aziendale - dal titolo “Le Raccomandazioni ministeriali per la sicurezza dei pazienti: conoscerle per applicarle”, che si terrà il 17 settembre 2021, presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Pavia, dalle ore 8.30 alle ore 17.00, aperta a 70 partecipanti appartenenti ad ASST Pavia e a 30 partecipanti esterni.
L’iniziativa è stata pensata partendo dal presupposto che “la sicurezza del paziente è uno dei fattori determinanti la qualità delle cure e pertanto è uno degli obiettivi prioritari che il Servizio Sanitario Nazionale si pone”, sottolinea il Dott. Enrico Malinverno, Risk Manager di ASST Pavia, che prosegue: “è in questo contesto che trovano la loro collocazione le 19 Raccomandazioni Ministeriali, quali strumenti di supporto sia per le organizzazioni sanitarie, sia per i professionisti nella Prevenzione e Gestione del Rischio Clinico".

► Brochure dell'evento

 

Come cambiare il Medico di Medicina Generale tramite il Fascicolo Sanitario Elettronico | Video Tutorial

 

Video tutorial visibile su Youtube per cambiare il medico tramite il Fascicolo Sanitario ElettronicoASST Pavia ha pubblicato sul proprio canale YouTube un video tutorial nel quale vengono descritti tutti i passaggi per cambiare, in autonomia, il Medico di Medicina Generale (MMG) o il Pediatra di Libera Scelta (PLS) tramite il Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE). Attraverso la procedura online non è possibile scegliere i medici massimalisti (eventuali deroghe potranno essere accolte agli sportelli di scelta e revoca). E' invece possibile scegliere online un nuovo medico se il precedente ha cessato l'attività (es. per pensionamento). Cosa occorre per cambiare il medico o il pediatra online:  

  • disporre della Tessera Sanitaria - CNS dell’interessato (o del figlio minorenne);
  • l'interessato (o il genitore/il legale rappresentante del minore), dovrà disporre di una modalità di autenticazione al sito del Fascicolo sanitario elettronico;
  • nel caso di cambio del pediatra o del medico per un minorenne, il genitore/legale rappresentante dovrà autocertificare online, ai sensi di legge, di essere il legale rappresentante del minorenne.

ATTENZIONE: quando viene scelto il medico o il pediatra per la prima volta, bisogna recarsi presso gli sportelli di Scelta e Revoca delle ASST del territorio; sarà possibile eseguire l’operazione online dal cambio successivo. Il cambio da pediatra a medico di medicina generale è possibile al compimento del quattordicesimo anno di età del minore.

CERTIFICAZIONE VERDE COVID-19 | Tutto quello che c'è da sapere

Clicca QUI per recuperare il codice AUTHCODE

Certificazione verde Novità e FAQ

Chiusura Ufficio Protocollo di Vigevano

Si comunica che l'Ufficio Protocollo di Vigevano rimarrà chiuso dal 9 al 27 agosto 2021.
Per qualsiasi necessità, è possibile rivolgersi all'Ufficio Protocollo di Voghera in viale Repubblica 88.

Contatti:
•  mail: ufficio_protocollo [at] asst-pavia.it
  telefono: 0383 - 695301 / 695407 / 695311

NASCE IL COORDINAMENTO ANTIDIPENDENZE E DISAGIO MINORILE - ASST PAVIA TRA GLI ENTI PARTECIPANTI

Il Comune di Pavia, con delibera di Giunta n.246 del 15 luglio 2021, ha istituito il Coordinamento Antidipendenze e Disagio Minorile. Di tale coordinamento farà parte anche ASST Pavia, in ragione delle competenze e dei servizi forniti dal suo Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze, diretto dal professor Pierluigi Politi.

L’iniziativa nasce dalla consapevolezza che, nell’attuale momento storico, il tema dell’emergenza educativa, che si manifesta in modo clamoroso nei giovani e nei giovanissimi, anche sotto forma di dipendenze di vario genere (stupefacenti, alcol, social network ecc.) è più fortemente avvertito, in conseguenza del lungo periodo di limitazioni e di condizionamenti sociali e relazionali indotto dall’emergenza sanitaria da Covid-19, che ha potentemente inciso sulla qualità della vita delle persone e, in particolare, nei giovani, esasperando proprio alcune forme di dipendenza.

Il Coordinamento - che comprende, oltre al Comune di Pavia ed ASST Pavia, la Procura della Repubblica presso il Tribunale Minori di Milano, ATS Pavia, l’Università degli Studi di Pavia, l’Istituto Comprensivo Angelini di Pavia (in rappresentanza dei quattro Istituti Comprensivi cittadini), e la “Casa del Giovane”, con Simone Feder – intende essere un organismo flessibile e duttile, in grado di riunire esperienze e competenze per conoscere e studiare le varie forme di dipendenza, superando la logica top/down. L’obiettivo è inoltre quello di integrare le logiche sanitarie, e di superare qualsiasi forma di paternalismo, poco utile nell’approccio ai giovani d’oggi, favorendo invece una formazione efficace e soprattutto i meccanismi dell’educazione tra pari.

Alla Conferenza stampa di presentazione del progetto, organizzata mercoledì 28 luglio, presso la Sala Consiliare del Comune di Pavia, erano presenti, per ASST Pavia, il Direttore Socio Sanitario, dott. Armando Gozzini, e il professor Pierluigi Politi. Entrambi hanno sottolineato l’importanza di una iniziativa che mira a trovare linguaggi, contenuti e spazi sempre più adeguati al dialogo con i ragazzi che vivono l’esperienza della dipendenza e del disagio, affiancando ai luoghi istituzionali preposti (i Ser.D), anche altre realtà che più facilmente possano essere accettate dal minore, in quanto meno stigmatizzanti. Alla Conferenza era presente anche la dott.ssa Lidia Decembrino, Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Pediatria e Nido di Vigevano, e Consigliere comunale del Comune di Pavia, che ha ricordato l’importanza di un approccio a 360 gradi, che oltre a riconoscere ed affrontare le nuove dipendenze da social, sempre più diffuse anche in soggetti pedatrici molto giovani, sia in grado di sostenere la genitorialità, spesso infragilita da dinamiche sociali ed economiche che necessitano di tutto il sostegno possibile da parte delle istituzioni.

INFORMAZIONI UTILI | TAMPONE NASO-FARINGEO PER LA RICERCA DEL VIRUS SARS COV2

L’accesso all’effettuazione dei tamponi è consentito esclusivamente previa prenotazione, con prescrizione da parte del MMG/PLS o con autocertificazione recante il timbro da parte della scuola e allegato documento d’identità, fermo restando sempre e comunque il raccordo con il curante.

L’esecuzione del tampone per adulti viene effettuato:

  • Vigevano, dal lunedì al venerdì dalle ore 10:30 alle ore 11:30 (max 24 posti) presso il container situato all’esterno del Presidio Ospedaliero in Corso Milano, 19 
  • Varzi, il martedì e il giovedì, dalle 08:30 alle 11:00 mediante Drive Through situato all’interno del Presidio Ospedaliero in via F. Repetti, 2.

L’esecuzione del tampone par bambini viene effettuato:

  • Vigevano, il lunedì e il mercoledì dalle ore 08:30 alle ore 10:30 presso il container situato all’esterno del Presidio Ospedaliero in Corso Milano, 19 
  • Voghera, il martedì e il giovedì dalle ore 08:30 alle ore 10:30 presso il container situato all’esterno del Presidio Ospedaliero in Via Volturno, 14

E' possibile presso  Vigevano e Voghera effettuare il tampone antigenico rapido per l'accesso presso le RSA previa compilazione dell'autocertificazione allegata, senza impegnativa.
Il tampone molecolare eseguito per le stesse finalità (visitatori per RSA)  e con le stesse modalità (autodichiarazione) può essere accettato presso i punti tampone di Vigevano e Voghera.
I tamponi antigenici verranno analizzati direttamente dal personale sanitario prelevatore; l'esito del test verrà consegnato direttamente all'utenza utilizzando la modulistica già in uso in azienda (consenso informato e attestazione test rapido); una copia dell'esito verrà consegnata al laboratorio di riferimento che provvederà in giornata a fornire il referto cartaceo, da rendere disponibile presso le portinerie.
I tamponi antigenici rapidi immunocromatografici potranno essere prenotati telefonicamente con le stesse modalità già previste  per la tensostruttura.

LA PRENOTAZIONE E' EFFETTUABILE NELLE SEGUENTI MODALITA' :

  1. Se in possesso di impegnativa bianca o rossa SISS (scritta al PC) accedendo al portale PRENOTA SALUTE https://prenotasalute.regione.lombardia.it/prenotaonline/ 
  2. Se in possesso di autodichiarazione firmata dalla scuola o di ricetta rossa scritta a mano telefonando ai numeri 0382-1958463 e 0383-695263 dal lunedì al venerdì dalle ore 8:30 alle ore 12:30 o scrivendo alla casella mail presaincarico [at] asst-pavia.it
  3. Per il Drive Through di Varzi chiamando il numero 0383-547235 (attivo dal lunedì al venerdì, dalle 09:30 alle 12:00), per effettuazione del tampone il Martedì e Giovedì, dalle 08:30 alle 11:00.

Se la richiesta avviene via mail l’operatore richiede i seguenti dati:

  • Nome, Cognome, data di nascita, codice fiscale, numero di telefono;
  • Indicare se è in possesso di ricetta del Medico/Pediatra o se è in possesso di autodichiarazione timbrata dalla scuola a cui allega un documento di identità (se in possesso di ricetta bianca la allega alla mail);
  • Il giorno in cui vuole effettuare il tampone;
  • Il Comune dove vorrebbe eseguire il tampone.

La prenotazione può anche essere effettuata dal MMG/PLS sul portale MAINF mediante le agende messe a disposizione dall’ASST Pavia, ma non necessariamente solo tramite la predetta modalità.
L’utente deve portare con sé la documentazione il giorno dell’esecuzione del tampone (prescrizione o autodichiarazione), deve visualizzare nel sito internet ASST Pavia l’informativa relativa al trattamento dei dati personali per l’erogazione del servizio temporaneo di ritiro referti esiti test covid-19 e, qualora interessato al servizio, compilare il modulo “CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI” da consegnare il giorno dell’esecuzione del tampone.
Si riporta il link informativo di Regione Lombardia per ogni aggiornamento in merito all’avvio delle attività scolastiche: https://www.regione.lombardia.it/wps/portal/istituzionale/HP/DettaglioRe

VISUALIZZAZIONE REFERTO
La modalità più semplice e immediata per conoscere l'esito del tampone rino-faringeo per il Covid19 è quella di visualizzarlo sul proprio Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) dove il referto viene caricato di norma entro 24 ore dal conferimento presso il laboratorio di Microbiologia.

https://www.fascicolosanitario.regione.lombardia.it/

 

Qualora non ancora in possesso delle credenziali per accedere al suddetto fascicolo è possibile accedere al servizio temporaneo di consultazione online dei referti tamponi covid 19 con accesso da parte degli assistiti tramite servizi digitali sul sito del fascicolo sanitario elettronico (FSE), previo rilascio del consenso al trattamento dei dati personali.

https://www.fascicolosanitario.regione.lombardia.it/web/fserl-pubblica/

 

Il servizio ti permette di visualizzare e scaricare il referto relativo all’ultimo tampone per COVID-19, tuo e dei tuoi familiari.
Si ricorda che il servizio è attivo limitatamente al periodo dell’emergenza COVID-19, ai sensi dell’art. 17 bis del DL n. 18 del 17.03.2020, convertito in L. n. 27 del 24.04.2020. Al momento della prenotazione o dell’esecuzione del tampone viene, inoltre, presentata l’informativa relativa al trattamento dei dati personali e richiesto il consenso dell’interessato, ai sensi dell’art. 9, par. 2, lett. a) del Regolamento UE 2016/679. L’informativa è consultabile anche da link dedicato in fase di inserimento dati.
Per visualizzare il referto dell’esame per COVID-19 e necessario seguire le istruzioni contenute nella sezione “Guida” del link dedicato.
 

Documento: 
AllegatoDescrizione
Scarica il fileMANUALE DI ISTRUZIONI PER LA PRENOTAZIONE DEI TAMPONI ASST PAVIA
Scarica il fileInformazioni utili - tampone naso faringeo per la ricerca del virus SARS COV 2
Scarica il fileInformativa privacy - consenso trattamento dati personali | Ritiro referti

USO DELLA MASCHERINA NELLE STRUTTURE DI ASST PAVIA

Con l'Ordinanza del Ministero della Salute del 22 giugno 2021, l’uso della mascherina presso le strutture di ASST PAVIA resta obbligatorio anche all'aperto:
• quando non può essere garantito il distanziamento minimo interpersonale
• nel caso di assembramenti o affollamenti
• negli spazi esterni delle Strutture Sanitarie
• in presenza di persone fragili e immunodepresse

PROROGATA AL 30 SETTEMBRE 2021 LA SCADENZA PER IL RINNOVO DELLE ESENZIONI CON AUTOCERTIFICAZIONE PER REDDITO E/O PATOLOGIA

Con DGR XI/4970 del 29/06/2021 è stata prorogata a giovedì 30 settembre 2021 la scadenza per il rinnovo delle esenzioni autocertificate da reddito (comprese le esenzioni con codice E30 ed E40 che non rientrano nei rinnovi automatici effettuati dal MEF) e delle esenzioni per patologia

 

 

Per richiedere il rinnovo è sufficiente:

  • rivolgersi agli sportelli di Scelta/Revoca della ASST di Pavia collegandosi al sito  e disporre di codice SPID e documenti richiesti per ogni singola tipologia di operazione. 
  • recarsi in farmacia 
  • autenticarsi online sul proprio Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE - https://www.fascicolo-sanitario.it/fse/?1), nella sezione specifica delle Esenzioni. 

Rimane comunque onere e responsabilità del cittadino comunicare tempestivamente all’ASST di competenza territoriale l’eventuale perdita dei requisiti del diritto di esenzione autocertificato, chiedendo la revoca dell’attestato di esenzione.

SPORTELLO TELEFONICO DI ASCOLTO - GIOCO D’AZZARDO PATOLOGICO

Un recente studio dell’Istituto Superiore di Sanità conferma la diffusione della piaga del gioco d’azzardo nel nostro Paese, e, dato ancora più preoccupante, ne rileva l’incremento nella fase post lockdown.
Lo studio ha interessato un campione della popolazione italiana di età compresa tra 18 e 74 anni; i dati raccolti riguardano le abitudini di gioco nel periodo di lockdown (27 aprile - 3 maggio 2020) confrontati con le abitudini precedenti la pandemia e con una successiva fase di restrizioni parziali (27 novembre - 20 dicembre 2020).
La pratica del gioco d’azzardo, dal 16,3% del periodo pre-pandemico, è scesa durante il periodo di lockdown al 9,7%, per poi risalire al 18% nel periodo di restrizioni parziali.
Il gioco d'azzardo terrestre è diminuito dal 9,9% del periodo precedente la pandemia al 2,4% del periodo di lockdown, per poi risalire al 8% nel periodo di restrizioni parziali. Il gioco on line invece passa dal 10,0% del periodo precedente la pandemia, all'8,0% nel lockdown, per salire al 13% nel periodo di restrizioni parziali.
Durante il lockdown, tra i giocatori il tempo mediano dedicato al gioco è aumentato di quasi un’ora. Inoltre, l'1,1% di coloro che hanno dichiarato di non aver giocato prima della pandemia ha dichiarato di aver iniziato a giocare proprio nel periodo di totale restrizione, mentre il 19,7% di coloro che già giocavano ha incrementato l’attività totale di gioco e questo è accaduto più frequentemente ai giovani, ai fumatori, ai consumatori di cannabis e a coloro che avevano un consumo rischioso di alcolici. Anche l'uso di psicofarmaci, la bassa qualità della vita, la scarsa quantità di sonno, la depressione e l'ansia risultano significativamente correlati ad un aumento dell'attività di gioco durante il lockdown.
I giochi maggiormente praticati in tutte le rilevazioni si confermano il Gratta e Vinci per il gioco d’azzardo terrestre e per il gioco on line le Scommesse Sportive, il Gratta e Vinci e le Slot Machines.

LO SPORTELLO TELEFONICO DI ASCOLTO DI ASST PAVIA
I Servizi Territoriali per le Dipendenze (Ser.D), autorizzati dalla Regione Lombardia, sono deputati alle attività diagnostiche, cliniche e al trattamento delle dipendenze. Sono strutture nelle quali operano equipe multidisciplinari (medici, infermieri, psicologi, assistenti sociali ed educatori specialisti della dipendenza).
L’utente/familiare con problematiche di abuso/dipendenza da sostanze chimiche lecite o illecite (eroina, cocaina, cannabis, alcol etc.) e/o da comportamenti compulsivi (gioco d’azzardo etc.), può rivolgersi ai Servizi in maniera riservata, senza impegnativa e gratuitamente.
Il Ser.D di ASST Pavia si conferma in prima linea contro la dipendenza da gioco d’azzardo, mettendo a disposizione dell’utenza un numero telefonico dedicato (3358413553), attivo nelle giornate di lunedì e venerdì, dalle ore 09.00 alle ore 11.00, e di sabato, dalle 09.00 alle 13.00.
Il servizio telefonico garantisce colloqui a chi ritiene di avere un problema con il gioco d’azzardo, ai suoi familiari e conoscenti, e a chi desidera avere informazioni relative ai problemi legati al mondo della ludopatia.

Per informazioni: dipendenze [at] asst-pavia.it

INAUGURAZIONE DEL NUOVO REPARTO DI EMODINAMICA DELL'OSPEDALE CIVILE DI VIGEVANO ALLA PRESENZA DELL'ASSESSORE L. MORATTI

Venerdì 2 luglio ha avuto luogo l'inaugurazione del nuovo Reparto di Emodinamica, con successiva conferenza stampa svoltasi  presso la Sala Consiliare dell’Ospedale Civile di Vigevano, alla presenza della Vice Presidente e Assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti, e del Direttore Generale di ASST Pavia, Marco Paternoster.

L’area - una delle più ampie di Regione Lombardia, per servizi analoghi - si sviluppa su una superficie di 475 mq (ex area Pronto Soccorso), ed è allocata al piano terra della Cardiologia, esattamente sotto l’Unità di Terapia Intensiva Coronarica.

Le nuove sale di Cardiologia Interventistica, una dedicata all’emodinamica e la seconda all’elettrofisiologia, sono dotate di angiografi di ultimissima generazione e di tecnologie che consentiranno il trattamento di tutto lo spettro della patologia coronarica, anche nei casi di lesioni estremamente complesse e occlusive. I sistemi di mappaggio e di ablazione consentiranno di curare tutto lo spettro della patologia aritmica cardiaca.

La sala di emodinamica e quella di elettrofisiologia sono un vero e proprio laboratorio, in cui vengono fatte tutte le diagnosi e i trattamenti delle patologie cardiovascolari.
Il Laboratorio di Emodinamica dell’U.O.C. di Cardiologia dell’Ospedale di Vigevano, diretta dal Dott. Pusineri, si occupa della diagnosi e della cura di problemi che possono sorgere nell’apparato cardio-circolatorio. Gli interventi di cardiologia interventistica prevedono l’esecuzione di atti effettuati per via “percutanea”, cioè attraverso una puntura arteriosa.

Le più comuni procedure di “cardiologia interventistica” diagnostiche e terapeutiche, eseguite per via percutanea, sono:

  • coronarografia
  • aortografia e angiografia periferica
  • cateterismo cardiaco destro e sinistro.
  • angioplastica (stent) coronarica sia primaria (in caso di infarto miocardica acuto) che elettiva
  • valvuloplastica aortica
  • valvuloplastica mitralica
  • occlusione dell’auricola sinistra
  • chiusura percutanea di alcuni difetti congeniti.

Il Laboratorio di Elettrofisiologia è in grado di affrontare tutti i problemi legati alle aritmie e di effettuare tutti i tipi di interventi, sia relativi al trattamento delle aritmie ipercinetiche, con una tecnica detta “ablazione”, sia al trattamento delle aritmie ipocinetiche con pacemaker (PM).
Una particolare attenzione è posta alla prevenzione delle aritmie potenzialmente mortali, attraverso l’impianto sotto cute, quando indicato, di un defibrillatore automatico, in grado di riconoscere l’aritmia ed interromperla. In questi pazienti, se si associano sintomi di scompenso cardiaco, possono essere utilizzati pace-maker o defibrillatori particolari che sono in grado, in una buona percentuale di casi, di migliorare la funzionalità del cuore e i sintomi del paziente con tecniche innovative.

Il Servizio di Emodinamica Aziendale, così some richiesto dalla Direzione Generale Welfare, afferisce ad una unica UOC di Cardiologia, quella di Vigevano la cui organizzazione è in capo al Direttore dell’UOC dott. Enrico Pusineri che assume il ruolo di unico Referente/Responsabile organizzativo del predetto Servizio.
Il Referente/Responsabile aziendale si raccorda con il Direttore della UOC di Cardiologia di Voghera, dott. Pietro Broglia, al quale competono la responsabilità clinica e al quale afferiscono, dal punto di vista funzionale, i dirigenti medici del Servizio di Emodinamica di Voghera.

► GALLERIA FOTOGRAFICA

 

VACCINAZIONE PERSONALE DOCENTE/NON DOCENTE: 120.000 POSTI DISPONIBILI TRA IL 17 E IL 21 LUGLIO

Regione Lombardia mette a disposizione, dal 17 al 21 luglio, 120.000 posti nei Centri vaccinali per consentire l'accesso alla prenotazione delle prime dosi da parte del personale scolastico docente e non docente su tutto il territorio regionale, per un avvio in sicurezza dell'anno scolastico 2021/2022.

BASTANO TESSERA SANITARIA E AUTOCERTIFICAZIONE - Insegnanti, personale Ata (amministrativi, tecnici e ausiliari), collaboratori scolastici, volontari e altre persone con potenziali contatti con studenti potranno accedere alla vaccinazione senza prenotazione. Basterà presentare la tessera sanitaria e un'autocertificazione che garantisca l'appartenenza alla categoria di insegnante/operatore scolastico.

I CENTRI VACCINALI DOVE PRESENTARSI - Di seguito l'elenco dei Centri vaccinali Covid aderenti all'iniziativa, relativi alla Provincia di Pavia:

  • PalaCampus, Pavia
  • Auser, Voghera
  • Centro commerciale Il Ducale, Vigevano

 

Donazione di 90 saturimetri e di una scultura a favore di ASST Pavia

Grazie alla collaborazione tra il Club Rotary Distretto 2050 e il Club Rotary di Voghera, gli Ospedali dell’Oltrepò di ASST Pavia hanno potenziato la dotazione di dispositivi medici con 30 saturimetri Oxy 110.
La donazione è stata ufficializzata con una conferenza stampa tenutasi martedì 29 giugno 2021, presso la Sala Consiliare dell’Ospedale Civile di Voghera.

Analogamente a quanto avvenuto in Oltrepò, presso la Sala Consiliare dell'Ospedale Civile di Vigevano, sono stati consegnati 60 saturimetri Oxy 110, da parte del Club Rotary Distretto 2050, in collaborazione con il Club Rotary di Mede e Vigevano, il Rotary Club di Vigevano e Mortara, il Rotary Club Cairoli e il RotaryClub Lomellina.

La cerimonia ha previsto anche la consegna di una scultura dell'artista pavese Stefano Bressani, donata nell'ambito del progetto "Cerca il tuo Mondo" all'UOC Pediatria e Nido dell'Ospedale Civile di Vigevano.

ASST Pavia esprime un sentito e profondo ringraziamento per queste generose donazioni, a beneficio dei pazienti.

Rilascio nuove funzionalità Portale di Prenotazione delle Vaccinazioni anti Covid-19

PROCEDURA DI ACCESSO ALLA PRENOTAZIONE PER I CITTADINI STRANIERI

Dal 25 giugno 2021 i cittadini stranieri in attesa di definizione delle procedure di emersione e i cittadini Stranieri Temporaneamente Presenti (STP) che insistono sul territorio Lombardo potranno accedere al sistema di prenotazione della vaccinazione anti Covid-19, in autonomia, direttamente dal portale di prenotazione: prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia.it cliccando sul tasto “Prenota il vaccino”.

Una volta arrivati sulla pagina “Gestione appuntamento per il Vaccino anti Covid-19” basterà selezionare la voce “Se sei uno straniero in possesso del codice STP, di un codice fiscale italiano o di un Codice univoco a 11 cifre emesso dalla prefettura, effettua una richiesta di abilitazione alla prenotazione al seguente link” per richiedere l’abilitazione alla prenotazione e l’inserimento nelle liste di prenotazione.

Entro 24/48 ore dalla richiesta di registrazione dei propri dati (pre-adesione) il cittadino potrà accedere alla piattaforma e procedere con la prenotazione della vaccinazione anti Covid-19.

CITTADINI STRANIERI IN EMERSIONE

Successivamente alla fase di pre-adesione i cittadini stranieri in emersione dovranno:

  • selezionare dal menu a tendina la voce corrispondente alla propria categoria e inserire il codice fiscale o il codice univoco ad 11 cifre emesso dalla prefettura.
  • Dichiarare di aver preso visione dell’informativa privacy, selezionare il pulsante “Accedi”. Proseguire successivamente con la scelta dell’appuntamento e la conferma della data, ora e luogo della vaccinazione.
     

CITTADINI STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI

Successivamente alla fase di pre-adesione i cittadini stranieri temporaneamente presenti (STP) dovranno:

  • selezionare dal menu a tendina la voce corrispondente alla propria categoria e inserire il relativo codice STP.
  • Dichiarare di aver preso visione dell’informativa privacy, selezionare il pulsante “Accedi”. Proseguire successivamente con la scelta dell’appuntamento e la conferma della data, ora e luogo della vaccinazione.
     

FUNZIONALITA’ SPOSTAMENTO APPUNTAMENTI SECONDE DOSI

Sempre a partire da venerdì 25 giugno sarà data la possibilità ai cittadini - che per esigenze indifferibili e di comprovata urgenza non possono presentarsi all’appuntamento per la seconda dose - di modificare in autonomia la data prevista per la somministrazione del richiamo. La modifica della data potrà essere effettuata direttamente dal portale di prenotazione nel rispetto del range temporale di validità del singolo vaccino e della disponibilità dei vaccini messi a disposizione dalla Struttura Commissariale per l’Emergenza Covid-19.

Dopo la I somministrazione di vaccino anti Covid-19, il cittadino che ha ricevuto l’appuntamento per la II Dose potrà  gestire il suo II appuntamento nella sezione dedicata del portale di prenotazione, cliccando su “Prenota il Vaccino” ed inserendo Tessera Sanitaria e Codice Fiscale.

Essendo un appuntamento relativo ad una II Somministrazione:

  • non sarà presente la possibilità di eliminare l’appuntamento;
  • il cambio di prenotazione potrà essere effettuato solo una volta;

Il Sistema di prenotazione propone al cittadino le disponibilità di agenda a partire dal settimo giorno dalla data della modifica dell’appuntamento (ovvero dopo 7 giorni dalla data in cui il cittadino richiede la modifica/spostamento) per consentire ai centri vaccinali di potersi organizzare.

"RICOVERATI... MA NON DISTANTI" - UN PROGETTO DI COLLABORAZIONE TRA ASST PAVIA E I CLUB LIONS E LEO DELLA LOMELLINA

Il 15 giugno 2021, presso l'Aula Consigliare del Comune di Vigevano, è stato presentato il progetto "Ricoverati... ma non distanti" promosso dai Club Lions e Leo della Lomellina in collaborazione con ASST Pavia. Grazie a questo progetto, già da aprile 2021, i pazienti ricoverati presso l'Ospedale Civile di Vigevano possono effettuare videochiamate con i propri cari, assistiti dal personale sanitario. 
Il progetto prevede, infatti, l'utilizzo di infermieri dei reparti, in prestazione occasionale al di fuori dell’orario di servizio, per mettere in contatto il ricoverato con i parenti a domicilio, tramite strumenti audiovisivi portatili. Ciò ha permesso 60 contatti e 14 ore di impegno extraorario già nel primo mese di utilizzo del servizio.

Come funziona?
Al momento del ricovero il paziente dovrà essere in possesso del numero telefonico del parente che vuole contattare e dovrà richiedere la possibilità di accedere al progetto "Ricoverati... ma non distanti", firmando il consenso al progetto e al trattamento dei dati personali. Al parente verrà consegnato il foglio di istruzioni per ricevere il contatto con il paziente. 

A presentare il progetto, in Aula Consiliare a Vigevano, hanno presenziato i Lions di Roberto Bellazzi, ideatore e realizzatore, Massimo Tenaccioli del club Lions Vigevano Ticinum, Dario Francolini del Lions Bozzole, Filippo Piccolini presidente del Leo Club, Patrizia Cottino presidente del Lions Club Vigevano Sforzesco e Angelo Marioni dirigente di Asst Pavia.
A disposizione ci sono due tablet, 12 gli operatori coinvolti, 100 le ore in aprile e maggio, oltre quelle lavorative, impiegate, 130 chiamate effettuate, 20 minuti il tempo medio di una chiamata.
 

IL DOTT. MARCO PATERNOSTER NOMINATO DIRETTORE GENERALE DI ASST PAVIA

Regione Lombardia, con D.G.R n. XI/4884, del 14 giugno 2021, ha nominato il dott. Marco Paternoster Direttore Generale di ASST Pavia dal 16.06.2021 al 16.06.2024.
Paternoster, laureato in Scienze Politiche presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, ha una lunga esperienza manageriale, maturata in diverse aziende ospedaliere lombarde, ed era stato nominato Commissario Straordinario di ASST Pavia nello scorso mese di aprile, dopo il precedente incarico di Direttore Amministrativo dell’ASST Ovest Milanese.
Il nuovo Direttore Generale di ASST Pavia esprime grande soddisfazione per la nomina, e ringrazia il Presidente Attilio Fontana, il Vice Presidente e Assessore al Welfare Letizia Moratti e tutta la Giunta regionale per l’attestato di fiducia espresso attraverso la conferma alla guida dell’Azienda, allo scadere del Commissariamento: “Il mio impegno, nel grande ruolo di responsabilità conferitomi, sarà massimo. Intendo perseguire gli obiettivi che mi sono stati assegnati, con la consapevolezza che la loro realizzazione non potrà che essere l’esito di uno sforzo collettivo, delle donne e degli uomini che operano all’interno di ASST Pavia. Ecco perché il mio primo pensiero va a tutti loro e alla strada che percorreremo insieme, per garantire la salute dei cittadini attraverso il nostro lavoro quotidiano. Allo stesso modo, porrò massima attenzione alle relazioni con le altre realtà che operano sul territorio pavese, consapevole del fatto che tutte le sinergie rafforzate durante la fase pandemica, rappresentino una ricchezza da cui dobbiamo attingere fiduciosi, per perseguire gli sfidanti obiettivi che ci sono stati affidati”.

 

Ginecologia Oncologica: l’(H)-Open Day di Fondazione Onda, negli ospedali di Vigevano, Voghera e Broni-Stradella

I SERVIZI OFFERTI DA ASST PAVIA IN OCCASIONE DELL’ (H)-OPEN DAY

DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE/UOC GINECOLOGIA ED OSTETRICIA/OSPEDALE CIVILE DI VOGHERA:

  • Colloqui telefonici con Ginecologo, per un numero massimo di 12 contatti, nella giornata del 29 giugno, dalle ore 11:00 alle ore 13:00 – tel. 0383 695762.

DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE/UOC GINECOLOGIA ED OSTETRICIA/NUOVO OSPEDALE DI STRADELLA:

  • Ecografie transvaginali in pazienti ultraquarantenni con fattori di rischio (obesità/ipertensione/diabete), per un numero massimo di 4 prestazioni, nella mattina del 29 giugno, dalle ore 11:00 alle ore 13:00 [previa prenotazione: da lunedì 21 a mercoledì 23 giugno, dalle ore 14.30 alle ore 15.30, al numero 0385 582975]. L’ecografia sarà effettuata presso l’Ambulatorio Ecografia 2° piano. Si raccomanda di presentarsi con vescica vuota.

DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE/DIPARTIMENTO ANATOMIA PATOLOGICA (UOC GINECOLOGIA ED OSTETRICIA/SERVIZIO ANATOMIA PATOLOGICA) OSPEDALE CIVILE DI VIGEVANO:

  • Pap test (prelievo e lettura), per un massimo di 10 esami, nel pomeriggio del 29 giugno, dalle ore 14:00 alle ore 17:00 [previa prenotazione: dal lunedì al venerdì, dalle ore 14:00 alle ore 16:00, al numero 0381 333331]. Il prelievo sarà effettuato presso l’Ambulatorio di Ginecologia – Piano terra – dell’Ospedale Civile di Vigevano.

 

L'INIZIATIVA

Il 29 giugno, Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, organizza l’(H)-Open Day di Ginecologia Oncologica negli ospedali aderenti con i Bollini Rosa. In tutto il territorio nazionale, negli ospedali aderenti al progetto, verranno offerti servizi gratuiti clinico-diagnostici e informativi come visite e consulenze in presenza e virtuali, colloqui telefonici, esami, conferenze e info point.

Sul sito www.bollinirosa.it a partire dal 15 giugno saranno disponibili l’elenco dei servizi offerti dagli ospedali aderenti e le modalità di prenotazione. Per accedere al motore di ricerca basta cliccare sul banner “Consulta i servizi offerti” posto in Home Page.

In Italia, secondo AIOM, nel 2020 erano attese 10.000 nuove diagnosi di tumore all’utero e 5.000 all’ovaio.  Più dell’80% delle pazienti con tumore ovarico ha una recidiva della malattia, e la qualità dell’intervento chirurgico con la corretta terapia di mantenimento sono fondamentali per offrire alle pazienti più qualità vita e tempo senza sintomi della patologia.

La presenza di Centri di riferimento in ogni Regione in cui lavorano oncologi sensibili all’umanizzazione della cura è sempre più importante. Umanizzare la cura significa individuare non la terapia più efficace a tutti i costi, ma comprendere la dinamica di vita della paziente e coinvolgerla nella scelta del proprio percorso terapeutico.

 “Quest’iniziativa si inserisce nell’ambito di un progetto più ampio che ha visto anche l’organizzazione di un evento virtuale, proprio in occasione della IX Giornata Mondiale del Tumore ovarico, con il coinvolgimento delle Istituzioni centrali e regionali, della comunità scientifica con le principali Società di riferimento e delle Associazioni pazienti”, spiega Francesca Merzagora, Presidente di Fondazione Onda. “Tra tutti i tumori, ginecologici e non, quello ovarico resta ad oggi il più insidioso. Avere a disposizione Centri di riferimento in cui lavorano oncologi sensibili all’umanizzazione della cura è sempre più importante. Umanizzare la cura significa individuare non la terapia più efficace a tutti i costi seguendo i freddi indicatori delle pubblicazioni scientifiche indipendentemente da effetti collaterali e impatto sulla qualità di vita ma comprendere prima la dinamica di vita della paziente e coinvolgerla nella scelta di un percorso terapeutico che salvaguarda la qualità del proprio tempo. Lo scenario negli ultimi anni è molto cambiato grazie all’introduzione di test diagnostici e nuove terapie (anche orali) che consentono di adottare percorsi di prevenzione e di cura personalizzati. L’obiettivo generale del progetto è migliorare l’accesso a queste preziose opportunità in modo equo e omogeneo su tutto il territorio italiano. Abbiamo oggi a disposizione terapie molto innovative, connotate non solo da una maggior efficacia, ma anche da aspetti importanti come la tollerabilità a bassi dosaggi e le minime interazioni farmacologiche nel caso di terapie concomitanti; tali terapie garantiscono un prolungamento importante della sopravvivenza libera da malattia, impattando positivamente non solo sulla prognosi ma anche sulla qualità di vita delle pazienti e dei loro familiari. Questo è un aspetto che, nell’ottica dell’umanizzazione delle cure, deve essere attenzionato e che Fondazione Onda intende valorizzare anche nei percorsi dedicati all’onco-ginecologia degli ospedali premiati con i Bollini Rosa con l’ambizione di averne almeno uno per regione per ridurre, ove possibile la mobilità sanitaria che tanto impatta sia psicologicamente che economicamente su pazienti che familiari”.

Risulta evidente che l’obiettivo dell’iniziativa è quello di promuovere la corretta informazione sulle strategie di prevenzione e sulle nuove possibilità terapeutiche che consentono di migliorare la qualità della vita delle pazienti nonché facilitare l’accesso alla diagnosi precoce nell’ambito dei principali tumori ginecologici a carico di utero e ovaie. In Italia, secondo “I numeri del cancro 2020” di AIOM, nel 2020 erano attese oltre 10.000 nuove diagnosi di tumore all’utero (corpo e cervice) e circa 5.000 all’ovaio. Purtroppo, sempre in Italia, il carcinoma endometriale, neoplasia che colpisce il corpo dell’utero, è tra i più frequenti tumori femminili e il carcinoma della cervice uterina rappresenta il quinto tumore per frequenza nelle donne sotto i 50 anni di età e complessivamente l’1,3% di tutti quelli diagnosticati. Più dell’80% delle pazienti con tumore ovarico ha una recidiva della malattia e la qualità dell’intervento chirurgico con la corretta terapia di mantenimento sono fondamentali per offrire alle pazienti più qualità vita e tempo senza sintomi della patologia.

In occasione dell’(H)-Open day sarà distribuita una brochure informativa scaricabile gratuitamente dal sito www.ondaosservatorio.it.

L’iniziativa gode del patrocinio dell’Associazione aBRCAdabraOnlus, della Fondazione AIOM - Associazione Italiana Oncologia Medica, di Loto Onlus – Uniti contro il tumore ovarico, di ROPI - Rete Oncologica Pazienti Italia, di SIGO - Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia e di SIOG – Società Italiana di Oncologia Ginecologica ed è resa possibile grazie alla sponsorizzazione unica di GSK – GlaxoSmithKline.

21 GIUGNO | GIORNATA NAZIONALE PER LA LOTTA CONTRO LEUCEMIE, LINFOMI E MIELOMA

Il 21 giugno 2021 si celebra la 16° edizione della Giornata Nazionale per la lotta contro leucemie, linfomi e mieloma, posta sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e istituita permanentemente dal Consiglio dei Ministri. La Giornata sarà un’occasione speciale per illustrare i rilevanti progressi della Ricerca Scientifica e per essere ancora più vicini ai malati ematologici, adulti e bambini, attraverso attività di sensibilizzazione e informazione su tutto il territorio nazionale.

AIL – Associazione Italiana contro Leucemie, Linfomi e Mieloma metterà in campo, in occasione di questo importante appuntamento annuale, una linea diretta con gli ematologi: lunedì 21 giugno, dalle ore 8 alle ore 20, sarà attivo il numero verde AIL “problemi ematologici” 800 226 524

Al numero risponderanno otto illustri ematologi e un pool di altri specialisti, per offrire a tutti coloro che chiameranno consigli sulla malattia e sui centri di terapia presenti sul territorio nazionale. Il programma della giornata: 08.00-09.30 Prof. Massimo Offidani; 09.30-11.00 Prof.ssa Maria Teresa Petrucci; 11.00-12.30 Prof. Francesco Buccisano; 12.30-14.00 Prof. Giuseppe Visani;14.00-15.30 Prof. Giuseppe Basso;15.30-17.00 Prof.ssa Giorgina Specchia; 17.00-18.30 Prof. Maurizio Martelli; 18.30-20.00 Prof. Fabrizio Pane.

ASST Pavia coglie l’occasione di questa importante Giornata per ringraziare il proprio personale sanitario, quotidianamente impegnato nei reparti che prestano assistenza ai pazienti affetti da leucemie, linfomi e mieloma.

DIGITAL GREEN CERTIFICATE | F.A.Q.

1) Il certificato vaccinale/certificato guarigione/referto tampone rilasciato dalla struttura sanitaria è valido come DGC fino al 12 agosto. Tale validità del certificato vaccinale, in attesa di avere il DGC, è riconosciuta anche all’estero?

Fino al 12 Agosto è possibile viaggiare in Europa anche senza Certificazione verde Covid-19, esibendo le certificazioni di completamento del ciclo vaccinale, di guarigione o di avvenuto test rilasciate dalle strutture sanitarie, dai medici e dalle farmacie autorizzate. Per tali certificazioni valgono gli stessi criteri di validità e durata della Certificazione verde. Tuttavia anche in questa fase transitoria prevista dal regolamento europeo con alcuni vettori e in alcuni paesi europei le certificazioni cartacee emesse dalle ASL non vengono più accettate. E' utile informarsi sul sito www.reopen.eu/it o direttamente con le compagnie di trasporto.

 

2) La Circolare del Ministero n. 0008284-03/03/2021-DGPRE-DGPRE-P ha previsto la possibilità di somministrare un’unica dose di vaccino anti-SARSCoV-2/COVID-19 nei soggetti con pregressa infezione da SARS-CoV-2, purché la vaccinazione venga eseguita ad almeno 3 mesi di distanza dalla documentata infezione e preferibilmente entro i 6 mesi dalla stessa. Coloro che hanno contratto il Covid-19 più di 6 mesi prima del vaccino, ma hanno effettuato una sola dose su indicazione del centro vaccinale avranno il green pass?

In questo primo periodo di emissione di green pass sono diverse le segnalazioni di casi di guariti vaccinati con una sola dose (con tanto di certificato vaccinale che indica la non necessità della seconda) rilasciate dalle regioni anche dopo la circolare di marzo in cui l'intervallo tra data infezione e data somministrazione non rientra in quello indicato dalla circolare. Ciò sta creando molti problemi poiché la piattaforma nazionale-DGC segue le indicazioni nazionali che sono state disapplicate alcune volte nei territori. E' quindi all'attenzione del CTS una valutazione sulla necessità di modificare le indicazioni della circolare di marzo in caso di pregressa infezione Covid prima della vaccinazione e speriamo che possa essere presa una decisione che ci consenta di rettificare tutti i green pass che risultano non conformi con i certificati a dose unica rilasciati dalle asl.

 

3) Sono pervenute delle segnalazioni da parte di cittadini, in particolare appartenenti ad Ambasciate, che hanno effettuato il vaccino all’estero e lamentano la mancata emissione del green pass. Cosa possiamo rispondere in questi casi?

Per i cittadini italiani vaccinati all'estero che intendono rientrare in Italia e ottenere la Certificazione verde Covid-19, il Ministero della Salute sta predisponendo una procedura, anche in accordo con il Ministero degli Affari Esteri. Il Regolamento europeo: apre una nuova finestra prevede comunque un'introduzione graduale dell'EU Digitale Covid Certificate e quindi "I certificati COVID-19 rilasciati da uno Stato membro prima del 1 luglio 2021 sono accettati dagli altri Stati membri fino al 12 agosto 2021". Tuttavia si ipotizza che la soluzione tecnica e organizzativa per il rilascio della Certificazione ai cittadini italiani vaccinati all'estero possa essere operativa entro la fine di luglio.

 

4) Alcuni soggetti appartenenti alle categorie previste dall’Ordinanza 7 del Commissario straordinario Figluolo lamentano il fatto che, pur essendo stati vaccinati in Lombardia, non riescono ad ottenere il Green pass. Il problema riguarda coloro che non sono in possesso di tessera sanitaria, che (se non possiedono le credenziali SPID o CIE), non riescono ad accedere alla piattaforma nazionale www.dgc.gov.it. Inserendo infatti i dati richiesti (documento utilizzato al momento della vaccinazione), il sistema rilascia un messaggio di errore per documento non valido. Alcuni di loro, inoltre, lamentano il mancato o il ritardato invio del codice AUTHCODE. In situazioni di questo tipo, quale indicazione possiamo fornire ai cittadini?

I green pass delle persone che sono state vaccinate ai sensi dell'ordinanza 7 del Commissario straordinario sono in corso di emissione. Non è stato possibile emetterli subito come quelli delle persone iscritte al SSN in quanto i loro dati anagrafici non sono nelle immediate disponibilità del Sistema Tessera Sanitaria che costituisce l'anagrafica di riferimento per la Piattaforma nazionale-DGC. Proprio ieri, insieme al MEF-RGS, abbiamo individuato le possibile soluzioni per le diverse categorie di persone non iscritte al SSN che sono state vaccinate in Italia per cui nei prossimi giorni questi green pass verranno via via emessi e, ove disponibili i dati di contatto, gli interessati potranno scaricarli dal sito attraverso l'apposita pagina per i non iscritti al SSN indicando l'identificativo paziente e il documento con cui sono stati individuati negli elenchi dei destinatari dell'ordinanza 7 trasmessi dal MAECI e dalle organizzazioni internazionali al MEF. Per i cittadini AIRE stiamo attivando una interlocuzione con l'Agenzia delle entrate Anagrafe tributaria per il recupero delle generalità a partire dal codice fiscale.