News dall'Azienda Socio-Sanitaria Territoriale

10 Ottobre 2019 | Giornata Mondiale Salute Mentale | H-Open day

In occasione della Giornata Mondiale della Salute Mentale  il 10 ottobre 2019 ONDA Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, coinvolge gli ospedali con i Bollini rosa e i presidi dedicati alla salute mentale per offrire servizi gratuiti clinico-diagnostici e informativi dedicati alle donne che soffrono di ansia, depressione, disturbi dell’umore e del sonno, psicosi e disturbi del comportamento alimentare.
Le Unità Operative di Ginecologia e Ostetricia degli Ospedali di Vigevano, Voghera e Broni-Stradella partecipano all'iniziativa attraverso un incontro dal titolo Donne e Maternità aperto alle donne in gravidanza e alle neomamme volto a sensibilizzare i partecipanti sulle problematiche connesse alla gravidanza e al post-partum. L'iniziativa aperta alla popolazione si svolgerà dalle ore 10:00 in contemporanea presso i reparti di Ostetricia degli Ospedali di Vigevano, Voghera e Broni-Stradella.
L’iniziativa vanta il patrocinio della Società Italiana di Psichiatria, della Società Italiana di Neuropsicofarmacologia e della Società Italiana di Psichiatria Geriatrica.
Obiettivo di questa iniziativa giunta alla sua VI edizione è sensibilizzare la popolazione sull’importanza della diagnosi precoce e favorire l’accesso alle cure, aiutando a superare pregiudizi, stigma e paure legati alle malattie psichiche. La salute mentale è parte integrante della salute generale, indispensabile per il funzionamento individuale e sociale. I disturbi psichici rappresentano il 30% di tutte le disabilità e hanno un impatto pesante sulla quantità di vita e sulla sua qualità con gravi ripercussioni sul piano personale, affettivo-familiare, socio-relazionale e lavorativo. 
L’(H)-Open day salute mentale gode del Patrocinio della Società Italiana di Psichiatria (SIP), della Società Italiana di Neuropsicofarmacologia (SINPF) e della Società Italiana di Psichiatria Geriatrica (SIPG) ed è reso possibile anche grazie al contributo non condizionato di Angelini, Janssen, Lundbeck e Neomesia.

La giornata mondiale della salute mentale come ogni anno ci permette di fare luce sulla complessità del problema a livello mondiale. Quest’anno la giornata è dedicata alla prevenzione dei suicidi, un tema attualissimo considerato che il suicidio è tra le prime 20 cause di morte a livello globale, con una netta prevalenza degli uomini sulle donne (78% a 22%)”, spiega Francesca Merzagora, Presidente Onda. “Onda, anche quest’anno, ripropone la sua iniziativa più consolidata, un H-Open day dedicato alla salute mentale giunto alla 6a edizione. Il 10 ottobre in oltre 140 strutture tra ospedali Bollini Rosa e non e presidi territoriali, la popolazione avrà modo di avvicinarsi alle varie patologie legate alla mente e ai servizi di cura. Visite specialistiche gratuite, consulti, conferenze, test di valutazione e punti informativi presso gli ospedali aderenti all’iniziativa, daranno la possibilità di accedere ai trattamenti e di superare stigma e paura nei confronti delle varie patologie mentali. Questa iniziativa, cresciuta nel tempo, ha consentito negli anni di offrire servizi (oltre 500 nel 2018) in modo sempre più capillare contribuendo ad un’azione di sensibilizzazione verso il singolo e le comunità territoriali”.
Il tasso della mortalità in Italia per suicidio è tra i più bassi in Europa (6 ogni 100.000 rispetto alla media di 11). A tutt’oggi nella classe di età 15-29 anni il suicidio è la seconda causa di morte. Al secondo posto le ragazze dai 15 ai 19 anni al terzo posto i ragazzi”, spiega Claudio Mencacci, Presidente della Società Italiana di Neuropsicofarmacologia e Direttore Dipartimento di Neuroscienze e Salute Mentale, ASST Fatebenefratelli-Sacco, Milano. “Tra i modelli comportamentali a rischio, oltre a quelli di utilizzo di alcol e droga, vi sono quelli “invisibili” rappresentati da eccesso di uso dei media, sedentarietà e carenza di sonno. Diversi studi hanno evidenziato negli under 18 una correlazione tra consumo di cannabis e aumento della depressione, pensieri suicidari e suicidio, 3 volte più elevati in questa fascia di età”.
Il disagio psichico è in continuo aumento a livello globale e il tema della salute mentale è destinato ad acquisire un ruolo centrale nel dibattito di salute. Iniziative come l’H-Open day hanno l’obiettivo oltre che di avvicinare alle cure anche di contribuire a migliorare la conoscenza delle patologie psichiche per ridurre lo stigma e la paura ad esse associate. 

Per maggiori informazioni visitare il sito www.bollinirosa.it o inviare una e-mail a segreteria [at] ondaosservatorio.it
 

 

 

Giornata vigevanese di aggiornamenti e approfondimenti in otorinolaringoiatria

Sabato 5 ottobre 2019 presso la Sala polifunzionale Cavallerizza  del Castello a Vigevano è stata indetta la Giornata vigevanese di aggiornamenti e approfondimenti in otorinolaringoiatria
Direttore del corso e responsabile scientifico è la dottoressa Laura Lanza Direttore delle Unità Operative di Otorinolaringoiatria degli ospedali di Vigevano e di Voghera.
Obiettivo dell'evento è quello di offrire ai Partecipanti strumenti immediatamente fruibili per la gestione aggiornata delle patologie da quella  “routinarie” a quelle più “complesse”.

Cosa serve per praticare la nostra “ars medica otorinolaringoiatrica”? Sicuramente aggiornamento ed approfondimento di tematiche specialistiche grazie al confronto con esperti; ma anche “mettersi sempre in discussione”.
Siamo sempre certi che il nostro approccio diagnostico e terapeutico alle patologie otorinolaringoiatriche sia quello ottimale? Allora questa giornata diventa una occasione di confronto per confermare le nostre certezze oppure modificarle radicalmente grazie ad un confronto diretto tra Relatori e Partecipanti. 

L’evento prevede l’assegnazione di 6,3 crediti formativi ECM ed è indirizzato a medici chirurghi, infermieri, audioprotesisti, audiometristi, logopedisti. L’iscrizione al corso è gratuita.

Documento: 
AllegatoDescrizione
Scarica il fileOpuscolo informativo Giornata Vigevanese di aggiornamenti e approfondimenti in Otorinolaringoiatria

1 - 7 Ottobre 2019 | Settimana dell'allattamento

In occasione della Settimana Mondiale dell'Allattamento 2019 i Consultori Familiari offriranno incontri con l’Ostetrica per la promozione ed il sostegno dell’allattamento. In tale occasione, verranno presentate le Misure Nazionali e Regionali per la tutela della maternità e della paternità.
Gli incontri si terranno presso i Consultori Familiari di:

  • Pavia, Viale Indipendenza, 5 Giovedì 3 ottobre, ore 14.00 – 16.30
  • Vigevano, Viale Montegrappa, 5 Mercoledì 2 ottobre, ore 14.00 – 16.30
  • Voghera, Viale Repubblica, 88 Giovedì 3 ottobre, ore 14.00 – 16.30

    L’accesso è libero e gratuito

Consigli in pillole per un buon allattamento 

Documento: 
AllegatoDescrizione
Scarica il fileSlide Informazioni sull'allattamento

Nati per leggere | 2 Ottobre 2019 ore 17:00 Biblioteca Comunale Rivanazzano Terme

L’Unità Operativa Prevenzione Socio Sanitaria Territoriale, Sussidiarietà e Sostegno alla Famiglia, della Direzione Socio Sanitaria, diretta dalla dott.ssa Cristina Domimagni, Referente Territoriale della Rete Integrata Materno Infantile (RIMI), presenta l’iniziativa avviata dal Consultorio Familiare di Voghera in collaborazione con il Comune di Rivanazzano, Biblioteca Comunale, e gli Asili Nido, "Pupi solari" e Zucchero filato", rispettivamente di Godiasco e Rivanazzano Terme.
TI RACCONTO E MI RACCONTI UNA STORIA... ha come destinatari le famiglie con bambini in età prescolare che saranno invitate ad  un pomeriggio di lettura ad alta voce presso la Biblioteca di Rivanazzano Terme, in Via Indipendenza, 14, dalle ore 17:00.

Che cos’è il progetto “Nati per leggere?
Avviato nel 1999, “Nati per Leggere” (Npl) è un progetto promosso dall'Associazione Culturale Pediatri, dall'Associazione Italiana Biblioteche e dal Centro per la Salute del Bambino Onlus ed è sostenuto da Regione Lombardia e da numerose istituzioni pubbliche e private. Lo scopo del progetto è quello di promuovere la lettura precoce, rivolta ai bambini dai 6 mesi in poi nella convinzione, supportata da studi scientifici, che la lettura in famiglia faciliti lo sviluppo di abilità cognitive e di relazione e sia un fattore di acquisizione di fiduciosa consapevolezza di sé. L’iniziativa si rivolge alle famiglie con bambini in età prescolare per un pomeriggio di lettura ad alta voce presso la Biblioteca di Rivanazzano Terme, in Via Indipendenza, 14, dal titolo TI RACCONTO E MI RACCONTI UNA STORIA... che avrà inizio alle ore 17:00.L’incontro sarà anche l’occasione per chiedere agli adulti presenti la disponibilità a diventare LETTORI VOLONTARI del Programma “Nati per Leggere” (che dopo una breve formazione potranno partecipare alle attività di lettura ad alta voce ai bambini, nei nidi, nei reparti ospedalieri, nei centri vaccinali, nelle varie manifestazioni culturali, ecc.).
Dai risultati emersi da uno studio del progetto, effettuato dall'Associazione Culturale Pediatri ACP, viene confermato che la lettura ad alta voce ai bambini influenza positivamente la capacità di comprensione del linguaggio in età prescolare, e che questa influenza è proporzionale alla frequenza della lettura. Sia l’ampiezza del vocabolario recettivo sia le capacità di comprensione linguistica, requisiti necessari per lo sviluppo di adeguate capacità linguistiche, si sono dimostrate infatti migliori nei bambini esposti alla lettura da parte dei propri genitori. L’attività di promozione alla lettura effettuata dai pediatri durante le visite di controllo sembra avere un ruolo positivo nel cambiare le attitudini dei genitori a questo riguardo, e questo soprattutto nelle famiglie inizialmente meno consapevoli dell’importanza del leggere ad alta voce.

Documento: 
AllegatoDescrizione
Scarica il fileLocandina Nati per leggere

25 Settembre 2019 | Ospedale Unificato di Broni Stradella Convegno Progetto WAVE

La prevenzione cardiovascolare nei pazienti ad alto rischio è la priorità indicata dalle Linee Guida ed un precoce intervento presuppone un miglior rapporto costo/beneficio.
La gestione di pazienti con patologie cardiovascolari rappresenta ad oggi un modello di lavoro integrato tra medici specialistii e  tra ospedale-territorio. Lo scambio di informazioni ed il coordinamento delle varie figure coinvolte è fondamentale per ottimizzare i risultati terapeutici ed utilizzare in modo razionale le risorse disponibili. 
La prevalenza dello scompenso cardiaco ha raggiunto proporzioni di una vera e propria epidemia. Si stima che i pazienti affetti da tale patologia siano oltre 15 milioni in Europa e oltre 730.000 in Italia. L’invecchiamento della popolazione e l’aumento persistente dei fattori predisponenti (ipertensione, diabete, cardiopatia ischemica) indicano che il numero di pazienti con scompenso cardiaco continuerà a crescere. Lo scompenso cardiaco rappresenta inoltre la principale causa di ospedalizzazione con una morbilità e mortalità che  superano quelle di molte neoplasie, nonostante i miglioramenti ottenuti fino ad oggi nel management dei pazienti ambulatoriali. 

L’obiettivo di questo progetto è delineare il percorso del paziente affetto da scompenso cardiaco dall'accesso in Ospedale fino al Reparto.

Di questi temi si parlerà al Convegno organizzato il 25 Settembre dalle ore 18:00 presso l'Ospedale Unificato di Broni - Stradella.

Progetto Wave: sull'Onda dello scompenso: la gestione del paziente nella real life. ha come coordinatore scientifico il Dottor Giovanni Ferrari direttore dell'Unità Operativa Complessa di Medicina Interna.
Interverrà la dottoressa Ester Gallanti Dirigente Medico dell'equipe del Dott.Ferrari. Il corso è accreditato ECM 

Documento: 
AllegatoDescrizione
Scarica il fileInformazioni Convegno Progetto Wave

Fertility Day 2019 presso i Consultori Familiari di Asst Pavia

Giornata della fertilità 2019Lunedì 23 settembre 2019 | La Direzione Socio Sanitaria di Asst Pavia, UOS Prev.ne Socio Sanitaria Terr.le, Sussidiarietà e Sostegno alla Famiglia, in occasione della giornata della fertilità, FERTILITY DAY 2019offre un momento di incontro con Ginecologo ed Ostetrica, rivolto a tutte le donne, coppie e famiglie che fossero interessate al tema della Fertilità. Si definisce FERTILITA’ la capacità riproduttiva, della coppia: ossia di concepire o di indurre il concepimento di un figlio. Dall’unione di un ovocita e di uno spermatozoo, gameti/cellulle riproduttive femminili e maschili, si crea un’unica cellula lo zigote che riproducendosi darà vita all’embrione. Seguirà, quindi, il successivo impianto dell’embrione nell’endometrio, parete interna della cavità uterina e prenderà così avvio la gravidanza stessa. Affinché possa avvenire il concepimento ed il successivo impianto embrionale, si rende indispensabile che vi siano tutte le condizioni psicofisiche idonee e favorevoli a che ciò si possa realizzare. Qualora sorgessero ostacoli o impedimenti alla riproduzione, vista anche la complessità e la delicatezza di questo tema, le donne, le coppie, le famiglie possono rivolgersi al Consultorio Familiare. Tutte le persone interessate sono invitate Lunedì 23 settembre '19, presso i Consultori Familiari di Pavia, Vigevano e Voghera per parlare di fertilità: capire come preservare la propria capacità riproduttiva e, qualora fosse necessario, come affrontare eventuali criticità del momento. 
Consultorio Familiare di Pavia: lunedì, 23 settembre, ore 9.00 - 12.30 
Consultorio Familiare di Vigevano: lunedì, 23 settembre, ore 14.00 - 16.30
Consultorio Familiare di Voghera: lunedì, 23 settembre, ore 9.00 - 12.30 

Documento: 
AllegatoDescrizione
Scarica il fileFertility Day 2019 presso i Consultori di Asst Pavia

20 e 21 Settembre | XIII Convegno AOGOI "La salute della donna nella società del benessere"

L’Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani - Sezione Lombardia organizza, in collaborazione con l’Ass.ne Ginecologi Territoriali, l’Ass.ne Italiana di Ostetricia, la Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia, l’Ass.ne Ginecologi Universitari Italiani e con il Patrocinio di ATS e ASST di Pavia, ASST Bergamo Est, Fondazione IRCCS Policlinico S. Matteo di Pavia e Città di Vigevano, il Congresso Regionale Congiunto che si svilupperà in due giornate ricche di interventi ad alto contenuto scientifico dedicati alla salute della donna.

Il Congresso dal tema La salute della donna nella società del benessere., accreditato per il rilascio dei crediti ECM, verrà introdotto dai saluti istituzionali e delle autorità tra cui il Direttore Generale di Asst Pavia, Dott. Michele Brait ed è presieduto, tra gli altri, dalla Dott.ssa Luciana Babilonti, Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale civile di Vigevano.

L’adozione di uno stile di vita corretto e salutare rappresenta la prima forma di tutela della salute riproduttiva della donna. La società moderna si caratterizza per una crescente prevalenza delle patologie correlate al sovrappeso e all’obesità. I dati della Organizzazione Mondiale della Sanità indicano che il numero delle persone obese è raddoppiato a partire dal 1980 e nel 2014 oltre 1,9 miliardi di adulti erano in sovrappeso, tra cui oltre 600 milioni obesi. L’obesità ha un profondo impatto sulla salute riproduttiva delle donne, determinando una riduzione della fertilità, un aumento del rischio di neoplasie dell’apparato genitale e correla con specifici rischi per la madre e il feto in gravidanza. In particolare l’obesità è associata ad un aumento del rischio di ipertensione, diabete gestazionale, tromboembolismo venoso, induzione del travaglio e taglio cesareo. Si associa inoltre un aumentato rischio di macrosomia con possibili complicanze del travaglio e del parto.

Nel corso del Congresso verrà analizzata la relazione tra il peso corporeo e i diversi aspetti della salute riproduttiva della donna. Si valuteranno le possibili strategie terapeutiche sottolineando l’importanza della adozione di un corretto stile di vita, a qualsiasi età.
Particolare rilevanza verrà data agli aspetti della assistenza ostetrica, sia in gravidanza che durante il travaglio e al parto e si illustreranno le possibili strategie per prevenire le temibili complicanze del parto correlate alla macrosomia fetale, cioè quando il bambino alla nascita pesa più di 4 kg.

Un caso clinico e giudiziario di distocia di spalle sarà l’oggetto di analisi da parte del gruppo di esperti medico-legali AOGOI, mentre l’ultima sessione è dedicata alle disfunzioni perineali correlate alla gravidanza e al parto, alla possibilità del loro precoce riconoscimento e alla importanza della corretta gestione da parte di un gruppo multidisciplinare.
In campo ginecologico verranno affrontate le criticità chirurgiche e le patologie preneoplastiche nelle pazienti obese, unitamente ai problemi endocrinologici e contraccettivi.

ASST di Pavia conferma con il sostegno a questa iniziativa una particolare attenzione alle donne e alla loro salute.

Galleria Fotografica
 

 

Documento: 
AllegatoDescrizione
Scarica il filePROGRAMMA XIII CONGRESSO AOGOI Vigevano

Giornata Nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha istituito, il 17 settembre, la Giornata Internazionale della sicurezza del paziente, con l’obiettivo di aumentare la consapevolezza globale su un tema di salute pubblica fondamentale: la sicurezza delle cure prestate è il presupposto per garantire la salute dei pazienti.

L’Azienda Socio-Sanitaria Territoriale di Pavia (ASST) intende dare il suo contributo alla diffusione di una maggiore consapevolezza sui temi della sicurezza delle cure. Questa campagna che prevede la distribuzione di materiale informativo presso gli sportelli dei propri presidi. Nello specifico è prevista la diffusione di un opuscolo contenente una serie di suggerimenti per pazienti e operatori sul tema della sicurezza delle cure. Sarà affisso un poster che richiama l'importante tema della violenza sugli operatori.

Sono in media tre al giorno le aggressioni denunciate in Italia dagli operatori sanitari, per mano di pazienti e loro famigliari. Nell’ultimo anno, le violenze denunciate ammontano a 1.200 casi, di cui 456 hanno riguardato gli addetti al Pronto soccorso, 400 si sono verificati in corsia e 320 negli ambulatori. Un bollettino di guerra inaccettabile, che rende sempre più difficile svolgere professioni già di per loro gravose e complesse.

La sicurezza e la qualità dell’assistenza richiedono lo sviluppo di alleanze virtuose fra aziende sanitarie, operatori, cittadini e pazienti.
Con questo sintetico opuscolo, l’Azienda Socio-Sanitaria Territoriale di Pavia (ASST) intende dare il suo contributo alla diffusione di una sempre maggiore consapevolezza sui temi della sicurezza delle cure.
I suggerimenti indicati, se messi in atto da pazienti e operatori, in un clima di fiducia reciproca e di collaborazione,
possono ridurre drasticamente i rischi, per gli uni e per gli altri, contribuendo in modo deciso a tutelare lo stato di salute dei pazienti. Sicuramente, insieme, si può!

 

VADEMECUM PER I PAZIENTI 

In occasione di visite programmate e accessi all’Ospedale, è importante portare sempre con sé la documentazione sanitaria che attiene al proprio stato di salute. In Ospedale, è opportuno comunicare al Responsabile del reparto quali parenti debbano essere informati delle proprie condizioni di salute. Se ci sono dubbi, incertezze o ansie, è bene chiedere ogni chiarimento che si ritenga opportuno sul proprio stato di salute e sulle prestazioni sanitarie che si stanno per ricevere. Se gli operatori chiedono di evitare di alzarsi da soli, è fondamentale seguire le indicazioni, attendendo l’arrivo di chi è preposto ad aiutare nella deambulazione, per evitare cadute.
Portare con sé l’
appropriato contenitore, nel caso in cui si faccia uso di dentiera o di apparecchio acustico,ed utilizzarlo in modo appropriato per garantirne l’igiene ed evitare contatti con altre superfici. L’ASST fornisce un contenitore per non smarrire la protesi.
È importante che
parenti ed amici non facciano visita durante la degenza,se hanno malattie infettive in corso, per tutelare il congiunto ricoverato, loro stessi, gli altri pazientie gli operatori sanitari.
È importante verificare di avere rispettato eventuali prescrizioni per la preparazione ad esami diagnostici (digiuno, sospensione di farmaci ecc.).
Altrettanto fondamentale è che il paziente porti sempre con sé e consegni al medico
la lista delle medicine che assume, comunicando anche l’assunzione di integratori, infusi o altri prodotti da erboristeria. È importante riferire eventuali allergie. In dimissione, il paziente non deve avere esitazione nel chiedere qualsiasi chiarimento sulle terapie da assumere.
Le mani devono essere lavate con accuratezza ed è importante verificare che anche gli operatori sanitari facciano lo stesso, prima di visitarci o di compiere altre prestazioni di cura che comportino il contatto fisico.
È bene che anche i parenti, durante le visite, adottino la stessa attenzione per l’igiene delle mani. Il rispetto di questa buona regola, da parte di pazienti, operatori e parenti, è in grado di ridurre drasticamente il passaggio di infezioni in sede ospedaliera.

VADEMECUM OPERATORI

L’igiene delle mani è fondamentale. Devono essere lavate sempre accuratamente prima di ogni contatto con il paziente, seguendo le indicazioni previste nella procedura aziendale.
È importante presentarsi sempre in modo chiaro al paziente, accertandosi della sua identità.
La
disponibilità nel rispondere alle domande di pazienti e famigliari è alla base del rapporto tra paziente e operatore. È la condizione migliore per favorire il dialogo e l’emersione di dubbi o incomprensioni.
Nel caso di degenza, è importante monitorare segnali di sofferenza psichica del paziente, legati allo stato di ricovero e/o alla preoccupazione per il suo stato di salute, segnalandoli prontamente ai famigliari e indicando opportuni percorsi di
sostegno.
La
compilazione della documentazione sanitaria deve avvenire con la massima attenzione, cura e tempestività.
Eventuali guasti, malfunzionamenti delle apparecchiature o situazioni di rischio negli ambienti in cui si opera, devono essere prontamente segnalati al personale tecnico competente. Nel tempo intercorrente tra la segnalazione e l’intervento, deve essere garantita la sicurezza di pazienti e operatori secondo le normative di sicurezza vigente. Quando sensazioni di rabbia, stanchezza e stress impediscono di prestare cure adeguate o comunque influenzano in modo significativo il rapporto con i pazienti e con i colleghi, chiedere aiuto è il gesto più prezioso, per noi stessi e per chi ci circonda.

Documento: 
AllegatoDescrizione
Scarica il file17 Settembre Giornata della Sicurezza delle Cure - Opuscolo Informativo
Scarica il file17 Settembre Giornata della Sicurezza delle Cure - Manifesto

Sfidiamo il Diabete - 15 Settembre 2019 2° Camminata non competitiva

L’ 15 settembre 2019, nell'ambito della campagna mondiale per la prevenzione del Diabete mellito, il personale medico del Centro Antidiabetico dell'Unità Operativa di Medicina Interna dell'Ospedale Civile di Voghera, organizza una Camminata non competitiva di circa 3 Km. La manifestazione, aperta  a tutti coloro che volessero aderire, ha lo scopo di sensibilizzare la cittadinanza  sulle problematiche correlate alla patologia diabetica e si avvale della preziosa collaborazione  della Facoltà di Scienze Motorie dell'Università di Pavia e dell'Associazione Atletica Iriense.
Il diabete mellito coinvolge un numero sempre maggiore di persone ed è legato alle modifiche quantitative e qualitative dell'alimentazione (si mangia di più e peggio), accanto ad un minor dispendio energetico (lavori che richiedono sempre meno fatica fisica, spostamenti con la macchina e scarsa propensione al movimento). In Italia si calcola vi siano più di 3 milioni di persone affette da Diabete mellito tipo 2, pari a circa il 5% della popolazione generale. Più di 1 milione di persone non sa di essere diabetico  e oltre 2.5 milioni di persone hanno caratteristiche che precedono spesso lo sviluppo di diabete ( sovrappeso/obesità, dislipidemia, ipertensione arteriosa.
 Sfidiamo il Diabete vuole sottolineare l’importanza uno stile di vita sano come  il modo più efficace per evitare/ritardare l'insorgenza di tale patologia o per migliorarne la gestione.
Dalle 08:45 in Piazza del Duomo di Voghera, in una postazione sanitaria attrezzata grazie al sostegno della Croce Rossa Italiana, il Personale medico ed Infermieristico dell'Ambulatorio di Diabetologia effettuerà gratuitamente ai partecipanti la rilevazione dei parametri antropometrici, della pressione arteriosa e della glicemia capillare. Alle 09:30 partirà la camminata non competitiva, il cui percorso di circa 3 km si snoderà per le vie del centro cittadino. Alle 10:30 è previsto l’arrivo, un rinfresco  e la ri-misurazione dei parametri.
Inoltre i laureandi della Facoltà di Scienze Motorie forniranno poi indicazioni circa l'attività fisica da svolgere per sottolineare come una regolare attività fisica possa migliorare i parametri metabolici ed essere una vera e propria integrazione terapeutica che porti al miglioramento della condizione fisica del paziente.
 

Documento: 
AllegatoDescrizione
Scarica il fileRingraziamenti degli organizzatori

“CUORE SOTTO PRESSIONE” II° edizione della SALITA AL CAMPANILE

Evento Cuore sotto pressione ovvero II ed. della salita al campanile del Duomo di VogheraVoghera, Piazza Duomo, sabato 07 settembre 2019 - dalle h. 10:00 alle h. 15:00. L’Unità Operativa Complessa di Cardiologia e Unità Coronarica, dell’Ospedale civile di Voghera, diretta dal Dott. Pietro Broglia, promuove, per il secondo anno, l’evento denominato “Cuore sotto pressione”, ovvero la salita dei 155 gradini che portano alla cima del campanile del Duomo di Voghera. Lo scopo di questa simpatica iniziativa, aperta a tutti i cittadini, è la promozione della cultura sanitaria in tema di rischio cardiologico, soprattutto se in presenza di ipertensione arteriosa. Tutto lo Staff medico ed infermieristico del Dott. Broglia è coinvolto in questa sfida alla sedentarietà. La Croce Rossa metterà a disposizione un ambulatorio mobile dove il personale medico, effettuerà anamnesi e rilievi della pressione finalizzati alla valutazione della presenza di possibili fattori di rischio per le patologie cardiovascolari. 
I cittadini più allenati se lo desiderano potranno effettuare la salita al campanile con il monitoraggio dei parametri (pressione, saturazione dell'ossigeneo, frequenza cardiaca ) sia prima della partenza sia al ritorno sul sagrato ed a tutti i partecipanti sarà donata una t-shirt commemorativa della manifestazione.
L’Unità Operativa Complessa di Cardiologia e Unità Coronarica è una realtà di grande rilievo nel territorio oltrepadano, con 16 posti letto e 1 posto letto di macro attività ambulatoriale complessa (MAC) per la parte cardiologica, più 6 posti letto di Unità Coronarica. All'Unità Operativa sono annessi: un ambulatorio di cardiostimolazione, di emodinamica, con possibilità di effettuare esami coronarografici ed angioplastiche, di ecocardiografia con possibilità di praticare eco-stress, di ergometria Holter ECG e monitorizzazione della pressione arteriosa per 24 ore, di ECG più visita, ambulatori specialistici post infarto e per cura dello scompenso cardiaco.
Inoltre il Dott. Pietro Broglia, è l’autore scientifico del progetto innovativo che l’Asst di Pavia ha presentato nell’ambito del Programma del Fondo europeo di sviluppo regionale POR FESR 2014-2020, per il quale Regione Lombardia ha disposto un invito pubblico rivolto a tutte le ASST ed agli IRCCS lombardi. Alla base del progetto innovativo, l’esigenza di migliorare la valutazione delle placche dei vasi in ambito cardiologico. La soluzione tecnologica pensata dal Dott. Broglia è
la creazione di uno strumento non invasivo che possa valutare le placche dei vasi non superficiali, qualificando: 
• la morfologia della placca, da cui si ricava la sua pericolosità;
• il grado di infiammazione, se presente.
La Direzione Strategica di Asst Pavia promuove e sostiene le attività della Cardiologia dell’Ospedale di Voghera ed invita tutta la cittadinanza a “mettersi in gioco” per la propria salute.

Pagine