News dall'Azienda Socio-Sanitaria Territoriale

Il polittico della visitazione della quadreria dell’Ospedale di Vigevano alla mostra “i Boxilio” a Tortona

Mostra "I Boxilio" Tortona Inaugurazione 7 dicembre 2018Presso la Sala delle Conferenze del Polo Culturale Diocesano di Tortona avrà luogo venerdì 7 dicembre 18 h.18:00 l'inaugurazione della Mostra "I Boxilio una famiglia di pittori tortonesi tra 400 e 500" che ospita, tra le altre opere, il Polittico della Visitazione, conservato presso la quadreria dell’Ospedale civile di Vigevano. La preziosa pala, firmata dal pittore tortonese Giovanni Quirico e datata 1503, proviene dalla Cappella della Visitazione del Duomo di Vigevano. Il committente, reverendo Pasino de’ Ferrari, raffigurato a sinistra sotto la mano protettrice di San Pietro, ottenne da Ludovico Sforza l’autorizzazione alla fondazione di un ricovero, intitolato alle Sante Maria e Marta, "ad uso pio", cioè dedicato all'assistenza di  poveri malati e invalidi:  il primo Ospedale di Vigevano.
Come ringraziamento per quanto ottenuto, il De Ferrari commissionò questa pala  posta originariamente nella Cappella della Visitazione nel Duomo di Vigevano,  poi trasferita all’Ospedale del Santissimo Sacramento e quindi nella Quadreria. 
Il polittico è composto da tre scomparti maggiori, dove compaiono  la Madonna con Bambino, i santi Pietro raffigurato con il consueto attributo iconografico delle chiavi e San Giovanni Evangelista imberbe e rappresentato con fattezze giovanili. Al di sopra, Santa Caterina raffigurata con la ruota dentata e Santa Lucia con globi oculari simboli del martirio. 
Nella lunetta, Giovanni Quirico dipinge Marta e Maria in un luogo delimitato da un basso tendaggio nell’episodio della visitazione: l’immagine risulta di grande delicatezza ed intimità.
Particolarmente interessante, anche da un punto di vista storico, è il ritratto del committente il reverendo Pasino de’ Ferrari, ossia il benefattore, a cui si deve la fondazione del primo Ospedale di Vigevano. La Mostra sarà inaugurata il 7 Dicembre alle ore 18:00 presso la Sala delle Conferenze del Polo Culturale Diocesano e durerà fino al 10 marzo 2019. 

Visita dell'Assessore regionale al Welfare Avv.to Gallera al PreSST di Broni e all'Ospedale di Varzi

Inaugurazione Presst di Broni Alla presenza dell’Assessore regionale al Welfare Giulio Gallera, è stato inaugurato il Presidio socio sanitario territoriale (Presst) di Broni, ex Ospedale Arnaboldi. La storica struttura di via Emilia adesso ospita una serie di servizi per tutto il territorio, tra cui il Centro per il Mesotelioma, un Ambulatorio dove un’equipe multidisciplinare si occupa della presa in carico del paziente e della famiglia ed il nuovo Centro di raccolta Avis. Alla cerimonia erano presenti oltre al Direttore Generale di Asst Pavia Michele Brait accompagnato dal Direttore Amministrativo, Dott. Paolo Puorro e dal Direttore Socio Sanitario, Armando Gozzini, il Sindaco di Broni, Dott. Antonio Riviezzi, diversi sindaci dei comuni limitrofi, l'Onorevole Alessandro Cattaneo ed i Consiglieri regionali Invernizzi e Villani. La struttura ha appena ricevuto lo stanziamento dei fondi da Regione Lombardia necessari per la sua completa riqualificazione. La delegazione,dopo l’inaugurazione proseguirà volta di Varzi, dove è prevista la visita all’Ospedale SS. Annunziata.

Inaugurazione nuova TAC 160 strati a Vigevano

Inaugurata la nuova TAC a 160 strati presso l'ospedale Civile di VigevanoVigevano 28.11.'18 Cerimonia d'inaugurazione presso l'Unità Operativa di Radiologia dell'Ospedale di Vigevano della nuova TAC di ultima generazione acquisita da ASST Pavia che va ad incrementare e potenziale significativamente la strumentazione in dotazione all'Ospedale cittadino. Presenti all'evento, il Direttore Generale di Asst pavia, Dott. Michele Brait, l'Assessore regionale, Dott.ssa Silvia Piani, il Sindaco di Vigevano, Dott. Andrea Sala, il Vice Sindaco di Vigevano, Dott. Andrea Ceffa, l'Assessore del Comune di Vigevano, Dott.ssa Antonietta Moreschi, la Dott.ssa Elena Belloni, Direttore f.f. dell'Unità Operativa Complessa Radiodiagnostica Lomellina ed il collaboratore dell'Ing. Giovanni Guizzetti, Direttore UOC di Ingegneria clinica dell'Asst di Pavia, Dott.Cesare Lombardi.
Il modello è l’Aquilion Prime SP prodotto da Canon, un tomografo a 160 strati, in grado di acquisire, in un’unica rotazione, 160 immagini riferite ad altrettante “fette” del corpo. Con questo nuovo strumento le immagini sono raccolte ad altissima velocità, dato che un giro completo dei detettori avviene in 1/3 di secondo, pertanto sarà possibile effettuare indagini diagnostiche molto accurate, in particolare per quanto riguarda gli esami cardiovascolari in quanto le immagini che riprendono il cuore, organo in movimento, necessitano un’altissima velocità di rotazione ed un gran numero di strati affinché possano essere di alta qualità. Questa TAC Canon offre la migliore risoluzione tra gli apparecchi sul mercato, essendo in grado di acquisire strati dello spessore di mezzo millimetro, inoltre ha un gantry (l’apertura in cui viene inserito il corpo del paziente) più ampio del 20% rispetto alle TAC standard, garantendo un migliore accesso all’operatore e un minore disagio al paziente. Ed ancora la nuova TAC è dotata del sistema più avanzato sul mercato per la riduzione della dose di radiazioni al paziente: rispetto ad un’apparecchiatura standard, è possibile ridurre la quantità di radiazioni fino all’80%, pur mantenendo una qualità diagnostica elevata.

Inaugurazione Ospedale di Vigevano nuova TAC ultima generazione   Inaugurazione Ospedale di Vigevano nuova TAC ultima generazione
 
 

Giornata della Trasparenza | 4 dicembre

Il Policlinico San Matteo, l'Agenzia di Tutela della Salute e l'Azienda Socio Sanitaria Territoriale di Pavia organizzano per  la Giornata della Trasparenza 2018 un convegno dal titolo "Etica e trasparenza in sanità"

L'iniziativa si terrà martedì 4 dicembre 2018, presso l’Aula Magna “C. Golgi” del San Matteo, a partire dalle ore 9.00. Le conclusioni sono previste alle 13.30.

Tra i relatori parteciperanno tra gli altri l' Ing. Stefania Marconi del  Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura dell’Università di Pavia che parlerà del laboratorio clinico di stampa 3D, alcuni esponenti dell'Associazione "Mani di mamma per bimbi piccini” che parleranno invece del Progetto “CARE” presso gli Ospedali di Broni-Stradella, Voghera e Vigevano.

Documento: 
AllegatoDescrizione
Scarica il fileLocandina Giornata della Trasparenza
Scarica il fileMappa per raggiungere l'Aula Golgi

#TempodiQuartieri

Logo Progetto Tempo di Quartieri per l'alfabetizzazione informatica dei cittadini pavesiVenerdì 30 novembre c.m. terminerà ufficialmente il progetto #TempodiQuartieri. Per l'occasione è stata indetta una Conferenza Stampa di chiusura, fissata per lunedì 26  novembre alle ore 12.00 presso la Sala del Consiglio del Comune di Pavia  (Palazzo Mezzabarba, p.zza Municipio 2, primo piano). Lunedì 26/11 alle 10.30 in Sala del Consiglio a Pavia, verranno consegnati gli attestati a coloro che hanno partecipato ai corsi di  alfabetizzazione informatica e approfondimento sui servizi online, mentre Martedì 27/11 si svolgeranno gli  incontri nei quartieri di presentazione del nuovo  sportello polifunzionale online del Comune di Pavia, attivato nell’ambito del  progetto, che consente di accedere ai servizi comunali 7 giorni su 7, 24 ore su  24, comodamente da casa o dall’ufficio; nell'ambito degli incontri sarà illustrato come presentare una pratica e sarà dato spazio a domande, approfondimenti e  suggerimenti. Gli incontri si svolgeranno come segue: Pavia NORD,  via Acerbi 27 - 9.30-11  Pavia  NORD-EST,  piazzale Torino 40 - 11.30-13  Pavia  OVEST,  presso la Biblioteca Bolocan, via F.lli Cervi 21/23 -  15.30-17  
Pavia  EST,  via dei Pollaioli 30/a - 18.00-19.30. Link al materiale informativo

25 Novembre | Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

La donna trova nei Servizi di ASST di Pavia (Consultori Familiari, NPI, CPS, SERD, Pronto Soccorso, Pediatria, Ginecologia) un luogo appropriato dove raccontare la propria storia e potersi fidare del suo interlocutore. Particolare attenzione viene dato al momento dell’Accoglienza della vittima di violenza affinchè avvenga in modo integrato ed in rete interaziendale.

L'accoglienza è molto importante in quanto rappresenta il primo momento in cui si costruisce la relazione tra la vittima,  e gli operatori del servizio che accoglie la vittima di violenza La caratteristica di questa relazione “di reciprocità” è dal punto di vista della donna il sentirsi accolta, ascoltata, e dal punto di vista degli operatori l’acquisire tutte quelle informazioni necessarie a sviluppare una prima risposta competente sul problema.
L'accoglienza costituisce il momento più delicato e complesso: la donna deve percepire che ha trovato il luogo giusto dove raccontare la propria storia, dove è rassicurata sulla sua non responsabilità rispetto all’accaduto (è vittima) e che il suo racconto e la sua esperienza sono ritenuti credibili.

Alla donna viene sempre garantita la possibilità di scegliere che cosa dire o non dire, che cosa accettare o non accettare delle proposte di cura, nonché di proseguire i percorsi senza essere incalzati dalla fretta e dall’urgenza. Il bisogno della vittima non è solo quello di essere ascoltata e compresa, ma anche quello di capire che “i tecnici”, ai quali si è affidata siano competenti e non avanzino interpretazioni che possano giustificare la violenza maschile. La donna viene resa consapevole della sua non responsabilità rispetto all’accaduto (lei è vittima del comportamento violento).

 posto occupato contro la violenza  posto occupato

posto occupato contro la violenza sulle donne  

Giornata Mondiale della Prematurità

Commemorazione a Voghera della Giornata Mondiale della Prematurità 2018Voghera 17 novembre 2018 In occasione della Giornata Mondiale della Prematurità il Comune di Voghera ha aderito alla commemorazione, illuminando un monumento cittadino. La Caserma di Cavalleria Vittorio Emanuele II, già dalla sera di venerdì 16 sarà illuminata di luce viola, colore scelto convenzionalmente per sensibilizzare la cittadinanza sul problema della prematurità.
Cosa è la prematurità? Si definisce prematuro un parto che avviene prima della 37a settimana di gestazione e in Italia come nelle altro parti del mondo la nascita pretermine è in continuo aumento.
Qui di seguito il comunicato stampa redatto dal Dott. Alberto Chiara, Direttore del Dipartimento Materno infantile dell'azienda, Direttore della Pediatria e Nido degli Ospedali di Voghera e Stradella e Presidente della Società Italiana Pediatri Ospedalieri.  Link al comunicato

La generosità vince sempre: donazioni in Pediatria Ospedale di Voghera

Giornata di donazioni per i piccoli degenti del Reparto di Pediatria dell'Ospedale civile di Voghera. Nel pomeriggio di mercoledì 14.11.18 alla presenza del Direttore Generale Dott. Michele Brait, del Direttore della Dip.to Materno Infantile, Dott. Alberto Chiara, del Direttore Medico di Presidio, Dott.ssa Luigina Zambianchi, il Sindaco Dott. Carlo Barbieri e gli Officers rispettivamente del Lions Club Stradella-Broni "Montalino" e Rotary Club di Voghera e Mede Aureum, sono stati donati una seduta di pet-therapy ed un congruo numero di peluches, per allietare la permanenza dei bambini durante l'esperienza di ricovero in ospedale, poiché è donandosi, che si riceve, dimenticando se stessi, che ci si ritrova (San Francesco).

Donazione seduta di Pet-therapy presso la Pediatria dell'Ospedale di Vogheradonazione di peluches a favore della Pediatria dell'Ospedale di Voghera da parte del Rotary Club di Voghera in collaborazione con il Rotary Club Mede Aureum

Avvio dell'Ambulatorio Specialistico di Medicina Interna per prestazioni urgenti differibili presso l'Ospedale di Casorate

A decorrere dal 15 novembre 2018 l’Ambulatorio di Autopresentazione dell’Ospedale “Carlo Mira” di Casorate Primo sarà trasformato in Ambulatorio Specialistico di Medicina Interna per prestazioni con classe di priorità di urgenza differibile da rendere entro 72 ore dalla richiesta. L’accesso sarà possibile a tutti i cittadini, dopo prenotazione presso gli uffici CUP del presidio ospedaliero di Casorate Primo, muniti di impegnativa con codice di priorità U (urgente) rilasciata dal medico di medicina generale. L’orario di apertura dell’Ambulatorio sarà dalle 9:00 alle 11:00, dal lunedì al venerdì.
Il soccorso sanitario d'urgenza invece sarà sempre attivabile direttamente dai cittadini tramite il Numero Unico di Emergenza (NUE) 112.
Il passaggio all’Ambulatorio Specialistico di Medicina Interna per prestazioni con classe di priorità di urgenza differibile è il primo passo dell’ASST di Pavia  nell’ambito della programmazione aziendale che sarà avviata nei prossimi mesi e che prevede per l’ospedale di Casorate Primo un importante intervento strutturale per un importo di 2.050.000 euro, assegnato da Regione Lombardia.
Si tratta di un progetto strategico e innovativo che trasformerà il “Carlo Mira” in Presidio Ospedaliero Territoriale (P.O.T.) e prevede:
1)    la riorganizzazione del reparto di degenza dei subacuti, creando un reparto efficiente e rispondente ai requisiti di accreditamento;
2)    la riorganizzazione della zona ambulatoriale TAO e MAC con l’introduzione di tre stanze con un posto tecnico/poltrona da destinarsi a Macroattività Ambulatoriale Complessa e un Ambulatorio per la terapia anticoagulante orale;
3)    la riorganizzazione degli studi medici, con l’inserimento di due locali open-space con tre postazioni di lavoro ognuna e quattro stanze con postazioni singole;
4)    l’introduzione della zona dedicata ai medici di medicina generale, con due studi medici/ambulatori ed una zona di attesa;
5)    il rifacimento di due ascensori nei bracci oggetto d’intervento.

Link all'avviso

EVENTO "POSTO OCCUPATO"

Conferenza stampa presso il Comune di Vigevano per l'iniziativa POSTO OCCUPATO in occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne12 novembre '18 Comune di Vigevano |
Oggi, alle ore 12, presso il Comune di Vigevano, organizzata dal Medico di Medicina Generale e Presidente dell’Associazione Medici di Famiglia Vigevano e Lomellina, Dott. Giorgio Rubino, è indetta una conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa “POSTO OCCUPATO”, dedicata a tutte le donne vittime di violenza.
“POSTO OCCUPATO” è un gesto concreto di sensibilizzazione della popolazione su un tema molto delicato ed attuale qual è la violenza sulle donne. Ciascuna di esse, prima che un uomo decidesse di porre fine alla sua vita, occupava un posto a teatro, sul tram, a scuola, in metropolitana, nella società. Per cercare di focalizzare l’attenzione sul fenomeno, nel 2013 dal comune di Rometta (in provincia di Messina) è partita una campagna virale e gratuita dal nome POSTO OCCUPATO che consiste nel lasciare in ogni luogo pubblico un posto simbolicamente occupato da colei che è stata vittima di violenze e non ha potuto sedersi. Chiaramente la finalità è quella di tenere alta l’attenzione e impedire che il problema rimanga ovattato solo all’interno delle mura delle case e nei contesti dove le vittime lo vivono quotidianamente.L’estrema semplicità della sua realizzazione ha avuto un riscontro sorprendente in ambito nazionale. Quel posto “vuoto”, a simboleggiare chi avrebbe potuto occuparlo e non può più, ha colpito emotivamente singoli e istituzioni che da subito hanno aderito in gran numero. 
In provincia di Pavia, il dott. Giorgio Rubino ha deciso di sposare la causa nata nel comune di Rometta ottenendo subito l’appoggio ed il patrocinio di numerose istituzioni e associazioni tra cui ASST di Pavia, ATS di Pavia, l’associazione di volontariato Con-Tatto, l’Amministrazione Comunale e la Diocesi di Vigevano. L’invito rivolto alla popolazione consiste nell’esporre una sedia rossa oppure una sedia coperta da un drappo rosso con il volantino. L’iniziativa può essere promossa da ogni cittadino nella settimana dal 18 al 25 novembre e può essere seguita su Facebook (Posto Occupato) o scrivendo a info [at] postoccupato.org .Iniziativa contro la violenza sulle donne "Posto Occupato"
Dal 2000 ad oggi le donne vittime di omicidio volontario nel nostro Paese sono state tremila. Ad uccidere sono stati, nella quasi totalità dei casi, mariti, compagni o ex, incapaci di accettare la fine della relazione o la volontà della ex compagna di volersi ricostruire una vita al di fuori della coppia. La Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne è stata istituita dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1999 per ricordare a tutti che si tratta di una tra le violazioni dei diritti umani più diffuse al mondo, visto che subisce violenza, mediamente, una donna su 3, dai 15 anni in su e per ribadire che il rispetto è alla base di ogni rapporto. Non si può continuare a veder crescere il numero delle donne aggredite, maltrattate, stalkizzate, stuprate, svilite, psicologicamente annientate dentro le mura domestiche, sul posto di lavoro, per strada soprattutto ad opera di partner o ex partner. Siccome dietro ogni donna minacciata, spesso, esiste solo un deserto di solitudine e di paura, occorre che si mobiliti la società civile, che le associazioni collaborino, che di questi temi si parli nelle scuole, nelle case, che si muova la politica, che gli intellettuali prendano posizione costantemente, che si schierino le persone di spettacolo. Bisognerà che diventi priorità di tutti e che venga usato ogni mezzo per dimostrare che c’è la possibilità di uscire dalla zona d’ombra e di dolore in cui ci si trova, di aggrapparsi ad un’ancora di salvezza, di approdare su un’isola dove c’è chi ascolta, consiglia e protegge. Link alla locandina

Pagine